fbpx
CAMBIA LINGUA

Nomine: commissari per INPS e INAIL. Slitta la scelta del nuovo capo della Guardia di Finanza

Il Pd:" il decreto legge approvato oggi dal governo Meloni è un marchingegno costruito solo per mettere le mani subito su Rai, Inps e Inail"

Nomine: commissari per INPS e INAIL. Slitta la scelta del nuovo capo della Guardia di Finanza

Non c’è pace sulle nomine: anche la scelta del nuovo capo della Guardia di Finanza, attesa dagli addetti ai lavori, non arriva in un Consiglio dei ministri convocato ieri -4 maggio 2023- a metà pomeriggio e che inizia con due ore e mezza di ritardo.
Un Cdm in cui, in una riunione poi piuttosto rapida, arriva invece il blitz su Inps e Inail, con la decadenza degli attuali vertici -Pasquale Tridico e Franco Bettoni- e commissariamento nelle more della revisione della governance dei due istituti.

Insorge il Pd, “Il decreto legge approvato oggi dal governo Meloni è un marchingegno costruito solo per mettere le mani subito su Rai, Inps e Inail. È una indecenza, una forzatura gravissima e senza precedenti che non può essere avallata in alcun modo”. Lo scrive su Twitter il responsabile economico del Pd.
E la norma che consentirà a Giorgia Meloni di nominare un nuovo amministratore delegato alla Rai, perché si libererà da giugno la presidenza del San Carlo di Napoli.

Ma il valzer delle poltrone nella tv di Stato ancora sarebbe sullo sfondo del nuovo braccio di ferro in maggioranza. Una tensione che starebbe lambendo anche le prossime, attese, nomine delle partecipate, con la Lega – si racconta in ambienti parlamentari – che alzerebbe la posta sulle Ferrovie. Come un mese fa nella partita per le nomine delle grandi società pubbliche quotate, anche sul vertice delle Fiamme gialle si misurano le distanze fra le anime dell’esecutivo. Alle quattro i ministri sono tutti in attesa al primo piano di Palazzo Chigi (non c’è Matteo Salvini, che si era videocollegato prima alla cabina di regia sulle Olimpiadi Milano-Cortina). Mancano Giancarlo Giorgetti e Guido Crosetto, che si erano visti di prima mattina e avevano condiviso l’idea di indicare il generale Umberto Sirico, attuale comandante dei reparti speciali della Gdf, come sostituto di Giuseppe Zafarana, indicato come nuovo presidente di Eni e che si insedierà a breve (altrettanto a breve va quindi sciolto il nodo della sua successione).
E manca Alfredo Mantovano, che spingerebbe invece per Andrea De Gennaro, fratello dell’ex capo della Polizia Gianni –Mantovano era sottosegretario all’Interno quando de Gennaro era capo della Polizia-.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

In ambienti vicino al ministro dell’Economia si spiega che si tratta di un processo complesso, che vede il coinvolgimento di diversi soggetti e che sta andando avanti da tempo.

Un percorso, si sottolinea, condiviso fin dall’inizio, che non vede alcuna divergenza con Chigi o con gli altri soggetti interessati. Qualche ministro cerca di gettare acqua sul fuoco, “nessuno scontro”.

Il ritardo del Cdm? Legato alla visita dello speaker della Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti, Kevin McCarthy, e in più “non era tema all’ordine del giorno”.

Fatto sta che è stata rinviata non solo la scelta per la Gdf ma anche quella del capo della Polizia. E quella del prefetto di Roma. Dal duello sulle Fiamme Gialle potrebbe uscire vincente un terzo nome, quello del generale Fabrizio Carrarini.

Mentre a capo della Polizia, se si decidesse di sostituire Lamberto Giannini, potrebbe arrivare Vittorio Pisani. Per la prefettura di Roma si fanno invece i nomi di Vittorio Rizzi, vicecapo della polizia e vicino alla pensione, Laura Lega, capo del dipartimento dei Vigili del fuoco, Carlo Palomba, prefetto di Napoli.

Arriva anche il riordino di Inps e Inail: nel decreto approvato dal Cdm è prevista la revisione della governance, con l’abolizione della figura del vicepresidente e una modifica della disciplina del direttore generale, che sarà in carica per 4 anni.

Come si legge nel comunicato finale, in via di prima applicazione, al fine di procedere agli adeguamenti dei regolamenti organizzativi e interni degli enti, si prevede che entro 10 giorni dall’entrata in vigore del decreto-legge sia nominato un Commissario straordinario, con la conseguente decadenza dei presidenti, dei vicepresidenti e dei consigli di amministrazione.

Come spiega il comunicato di Palazzo Chigi, “in relazione alla governance degli enti previdenziali pubblici, si abolisce la figura del Vicepresidente, si prevede una modifica dei poteri del Presidente, che propone la nomina del Direttore generale  e si prevede una modifica della disciplina del Direttore generale, stabilendo che lo stesso sia nominato dal c.d.a. su proposta del Presidente, duri in carica 4 anni (in allineamento con tutti gli altri organi, anziché 5) e sia scelto con procedura comparativa di interpello, come per i dirigenti della pubblica amministrazione, anziché tra i dirigenti interni o tra gli esperti della materia”.

“In via di prima applicazione – prevede ancora la norma –, al fine di procedere agli adeguamenti dei regolamenti organizzativi e interni degli enti, si prevede che entro 10 giorni dall’entrata in vigore del decreto-legge sia nominato un Commissario straordinario, con la conseguente decadenza dei presidenti, dei vicepresidenti e dei consigli di amministrazione”.

“Per le fondazioni lirico-sinfoniche, si prevede il divieto di ricevere incarichi, cariche e collaborazioni per coloro che hanno compiuto il 70mo anno di età. Il Sovrintendente delle medesime fondazioni cessa in ogni caso dalla carica al 70mo anno di età; i Sovrintendenti attualmente in carica, che hanno compiuto i 70 anni di età alla data di entrata in vigore del decreto, cessano l’incarico a decorrere dal 10 giugno 2023”, lo ha deciso il Consiglio dei ministri, spiega il comunicato di Palazzo Chigi, nel dl che riforma la governance degli enti previdenziali pubblici, delle fondazioni lirico-sinfoniche e delle società quotate.

Il decreto dovrebbe incidere anche sulle decisioni sulla Rai e sul futuro dell’attuale amministrazione delegato Carlo Fuortes.

“Si dispone la proroga di 10 anni del termine di presentazione della domanda per la concessione del titolo onorifico previste a favore delle vittime delle foibe, dell’esodo giuliano-dalmata, delle vicende del confine orientale e concessione di un riconoscimento ai congiunti degli infoibati”, lo prevede un decreto approvato dal Consiglio dei ministri, come spiega il comunicato di Palazzo Chigi.

Il Consiglio dei ministri ha anche deliberato lo stato di emergenza per l’Emilia Romagna in seguito ai nubifragi che hanno colpito la regione.

“Il governo sta operando con la massima prontezza – sottolinea Musumeci – d’intesa con la Regione, per fronteggiare una grave situazione di pericolo per l’incolumità delle persone e l’evacuazione di numerose famiglie a causa di esondazione di corsi d’acqua, allagamenti, movimenti franosi e danneggiamenti alle infrastrutture viarie, ad edifici pubblici e privati, alle opere di difesa idraulica ed alla rete dei servizi essenziali”. Lo stato d’emergenza ha una durata di 12 mesi e stanzia 10 milioni per “gli interventi più urgenti, d’intesa con la Regione e in deroga alla legislazione vigente”.

Arrivano due mesi di proroga per la rottamazione quater, come già annunciato dal Mef: la manifestazione della volontà di procedere alla definizione agevolata, spiega il comunicato del Cdm dovrà essere resa entro il 30 giugno 2023 (e non più entro il 30 aprile 2023) e potrà essere integrata entro la stessa data.

Il pagamento dei debiti risultanti dai singoli carichi affidati agli agenti della riscossione dall’1.1.2000 al 30.06.2022 si potranno effettuare in unica soluzione non più entro il 31 luglio 2023, ma entro il 31 ottobre 2023 ovvero nel numero massimo di 18 rate, la prima e la seconda entro il 31 ottobre e il 30 novembre.

Nicola Dell’Acqua è stato nominato commissario per la siccità: lo ha deciso, a quanto si apprende, il Consiglio dei ministri.

Il Consiglio dei ministri, ha -inoltre- deliberato di inserire il correttivo al decreto migranti, il cosiddetto ‘decreto Cutro’, nel nuovo decreto di oggi. In particolare si interviene per chiarire le norme sui ricorsi contro le decisioni di inammissibilità

Nomine: commissari per INPS e INAIL. Slitta la scelta del nuovo capo della Guardia di Finanza

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×