Monza, piano vaccinale: altri 110 vaccini a domicilio agli over 80

Il bilancio del secondo weekend per la Task-Force straordinaria dei medici di famiglia

Monza, secondo weekend di lavoro per la task force straordinaria, costituitasi presso la sede della Protezione Civile di Monza, per coordinare le vaccinazioni a domicilio degli over 80 in città.

110 le dosi somministrate – che si aggiungono alle 143 della scorsa settimana – dai 22 Medici di Medicina Generale che hanno dato la propria disponibilità a far parte delle squadre di vaccinatori inviate nelle abitazioni dei monzesi.

Anche questa volta hanno fornito supporto e logistica alle operazioni i volontari della Protezione Civile, cui si sono aggiunti gli Alpini, Croce Rossa, Good Guys e City Angels.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

“Attendiamo da ATS le liste aggiornate di coloro che stanno ancora attendendo la somministrazione del vaccino a domicilio, ormai non dovrebbero essere molti – spiega Dèsirée Merlini, Assessore alle Politiche Sociali e medico, che ha partecipato nuovamente in prima persona al coordinamento della task force – I colleghi Medici di Famiglia hanno comunque già confermato la propria disponibilità a somministrare la seconda dose tra circa un mese per il richiamo: ringrazio di nuovo tutti per questa nuova esperienza di grande umanità e dedizione, molto apprezzata dai medici stessi”.

“L’esperienza delle vaccinazioni domiciliari COVID per i pazienti fragili e allettati – ha dichiarato il dott. Domenico Picone, Giovane delegato sindacale della Medicina Generale – mette in evidenza il ruolo della Medicina di famiglia e l’importanza di una stretta collaborazione con le amministrazioni locali e le associazioni di volontariato per la salute di tutti i cittadini. L’impegno dei Medici di Medicina Generale, grazie al rapporto di fiducia e attraverso la conoscenza profonda e continuativa dei pazienti, sta dimostrando – in tutta le fasi dell’Emergenza COVID – la Centralità della nostra Professione per la Medicina di prossimità all’interno del Sistema Socio-Sanitario Regionale.”


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...