Monza, accese le nuove luci sul Duomo

Il progetto, nel segno dell’efficienza energetica, sarà completato entro fine mese

Monza, accese le luci sul Duomo. Dallo scorso weekend la facciata della basilica dedicata a San Giovanni è «ridisegnata» da una nuova illuminazione architettonica che coinvolge anche il portico di metà Ottocento di fronte al Duomo, la piazza e le colonne votive. Si tratta del primo step di un progetto realizzato da Enel X – la business line per i servizi energetici avanzati del Gruppo Enel – che entro la fine del mese illuminerà anche la cella campanaria e completerà l’illuminazione della piazza attraverso l’integrazione della tecnologia LED nelle lanterne che ne delineano il perimetro.

Il progetto

Il progetto innovativo è orientato alla sostenibilità e prevede la sostituzione delle tecnologie tradizionali con tecnologie LED all’avanguardia. In particolare, il concept illuminotecnico è basato su una proiezione diretta delle superfici verticali che consente di valorizzare l’architettura e di lasciare inalterati i suoi peculiari caratteri stilistici, mantenendo uno scenario di sottofondo a contorno. L’intervento prevede l’illuminazione della facciata del Duomo e del campanile attraverso un bagno uniforme di luce calda, con una concentrazione maggiore del flusso verso il rosone centrale e la scultura bronzea di San Giovanni. Inoltre, prevede l’illuminazione della piazza attraverso il «refitting» a LED delle attuali lanterne ed una luce d’accento dedicata alle colonne votive.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building
L’intervento

L’intervento comporterà l’installazione di 37 apparecchi a LED di ultima generazione, permettendo ai tecnici del Comune – attraverso un sistema di gestione da remoto – di attivare l’impianto e di regolarlo creando scenari dedicati. Il nuovo impianto, sostenibile ed efficiente, sostituirà i precedenti punti luce e ne aumenterà il numero restituendo alla piazza una fruizione notturna confortevole che permetta di leggere correttamente le cromie e i volumi delle architetture: l’assorbimento passerà da 6 kW a circa 4 kW. a piena potenza. Sarà, inoltre, possibile ottenere un ulteriore risparmio energetico regolando l’impianto a seconda degli orari, dei giorni o di particolari ricorrenze o eventi.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...