MILANO, A PORTA NUOVA PARTE IL CANTIERE DELL’HUB ‘VOCE’

Sarà pronta a maggio 2021 la prima Casa del Volontariato in città: 2.500 mq in un edificio del Comune in concessione a Ciessevi.  Scavuzzo e Rabaiotti: “La nascita di un luogo dove confrontarsi e trovare stimoli sempre nuovi è una splendida notizia per Milano”

Milano, 19 dicembre 2019 –  “Sono centinaia di migliaia i milanesi che scelgono di dedicare parte del loro tempo agli altri – dichiarano la Vicesindaco con delega al Volontariato Anna Scavuzzo e l’assessore alle Politiche sociali e abitative Gabriele Rabaiotti – e migliaia le associazioni che ogni giorno lavorano sul territorio per aiutare chi è più in difficoltà. Per questo motivo, l’avvio dei lavori per realizzare la prima casa del volontariato in città, un luogo dove confrontarsi e trovare stimoli sempre nuovi, è una splendida notizia che arricchirà Milano. Siamo felici e orgogliosi di aver contribuito a questo progetto, convinti che il dialogo con i milanesi e con il Terzo settore, in un’ottica di complementarietà, sia fondamentale per una città sempre più bella, forte e accogliente”.

Di proprietà del Comune di Milano, dato in concessione all’Associazione Ciessevi fino a settembre 2053, l’edificio sarà un incubatore per far nascere nuove forme di imprenditorialità sociale e welfare di comunità, luogo di incontro tra diverse forme di volontariato, spazio per produzioni culturali ed eventi sui temi della solidarietà, della responsabilità sociale, della sostenibilità, dell’uguaglianza sociale e del dialogo. ‘VOCE’ ospiterà anche il Centro di coordinamento dei Volontari delle Olimpiadi invernali del 2026.

Il progetto prevede al piano terra la realizzazione di 250 mq destinati ad aule e un punto ristoro di circa 170 mq. L’Ostello occuperà il secondo e terzo piano per un totale di 530 mq. Agli Uffici saranno invece destinati i piani primo e secondo coprendo quasi 700 mq. Si stima che ‘VOCE’ annualmente sarà casa per 2mila enti del Terzo Settore e per 200 enti pubblici e privati che vorranno gestire progetti in rete col volontariato. Circa 8mila i cittadini attivi e volontari che si stima parteciperanno a eventi, formazioni e iniziative di promozione del volontariato, circa 20mila i pernottamenti in ostello e 70mila gli utilizzatori della caffetteria-ristorazione.

L’investimento ammonta a 5,9 milioni di euro, a cui contribuiscono diversi attori pubblici e privati tra i quali il Comune di Milano, che ha concesso l’edificio e garantisce con fideiussione il mutuo ventennale di 1,5 milioni di euro in capo a CSV Milano, Fondazione Cariplo, che ha sostenuto il progetto con un contributo di 1 milione di euro, e Turismo Sostenibile, società benefit, che investe nell’intervento 1,3 milioni di euro per costruire un polo del turismo sostenibile con l’ostello e i servizi collegati.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...