fbpx
CAMBIA LINGUA

Inaugurato il nuovo Istituto Italiano di Cultura di Miami

Ufficio che va a completare il panorama delle istituzioni italiane in Florida e nel Sud-Est degli Stati Uniti

Inaugurato il nuovo Istituto Italiano di Cultura di Miami.

Si è inaugurato formalmente il 7 marzo, l’Istituto Italiano di Cultura di Miami, ufficio che va a completare il panorama delle istituzioni italiane in Florida e nel Sud-Est degli Stati Uniti, affiancandosi al Consolato Generale d’Italia e all’Ufficio dell’Agenzia ICE a Miami.

L’inaugurazione del nuovo Istituto Italiano di Cultura costituisce una nuova tappa del percorso di rafforzamento della diplomazia culturale italiana nel mondo illustrato dal vicepremier e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Antonio Tajani, nel corso degli Stati Generali della Diplomazia Culturale tenutosi lo scorso ottobre a Firenze. In quell’occasione il Ministro Tajani aveva annunciato iniziative volte a «realizzare, grazie alla diplomazia culturale, un grande processo di internazionalizzazione e di investimento italiano all’estero, basato non solo sulla vendita di beni ma anche sull’esportazione di servizi culturali».

A tagliare il nastro dell’Istituto, voluto dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale (MAECI) per rafforzare ulteriormente – e a 360 gradi – l’attività promozionale negli Stati Uniti sono stati il Direttore Generale per la Diplomazia Pubblica e Culturale della Farnesina, Alessandro De Pedys e il Console Generale a Miami, Michele Mistò.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Nel corso della cerimonia è stata aperta al pubblico la mostra “Fortunato Depero. Dall’arte di avanguardia alla nuova pubblicità”, curata da Eduardo De Maio con Laura Mattioli, che potrà essere visitata fino al prossimo 5 maggio. Lungo un percorso che muove da alcuni capolavori del primo periodo futurista per approdare a realizzazioni in ambito grafico-pubblicitario, l’esposizione presenta uno spaccato del talento del grande artista italiano (1892-1960).

Con l’avvio delle attività dell’IIC si realizza «un salto di qualità nella proiezione e promozione dell’Italia in un’area degli Stati Uniti estremamente dinamica, molto legata all’Italia e ricettiva delle nostre eccellenze negli ambiti più vari, dall’arte contemporanea all’architettura e al design, dalla ricerca scientifica all’innovazione d’impresa». «Miami, la Florida e le aree circostanti – ha sottolineato il Console Generale Michele Mistòsono un straordinario laboratorio socio-economico, dove si sviluppa una pulsante e innovativa scena culturale, che alimenta una visione del sapere coniugato al saper fare e dà forma a stili di vita e oggetti sempre più originali e sostenibili».

Secondo il Direttore Generale De Pedys, «la mostra di Fortunato Depero, che abbiamo selezionato per l’inaugurazione, ben articola un approccio alla cultura italiana che valorizza il connubio tra arte e comunicazione, attraverso l’impiego dei linguaggi della pittura, della grafica e del design. Al tempo stesso, richiamando un artista che soggiornò negli Stati Uniti e che nella sua opera fu fortemente influenzato da quest’esperienza, si mette in luce uno dei compiti centrali della nostra diplomazia culturale, ossia promuovere l’immenso patrimonio storico-artistico dell’Italia veicolando un’immagine attuale e non stereotipata del Paese, allo stesso tempo favorendo il dialogo e la circolazione delle idee nei Paesi in cui operano gli Istituti Italiani di Cultura».

Dopo la cerimonia si sono esibiti i cantanti Virginio (Virginio Simonelli) e Arianna (Arianna Bergamaschi), interpreti della cultura e della scena musicale italiana contemporanea e internazionale, con all’attivo qualificate collaborazioni artistiche al di qua e al di là dell’Oceano.

In stretto coordinamento con il Consolato Generale a Miami, il nuovo Istituto Italiano di Cultura diretto da Stefano Cerrato proseguirà le attività con un fitto calendario di appuntamenti previsti per i prossimi mesi, con iniziative dedicate ad arte, cinema, architettura e design, letteratura, musica (dall’opera lirica alla canzone), scienza e sport. Tra le prime iniziative, la celebrazione della Giornata Internazionale della Donna con la proiezione del film “Primadonna” nell’ambito dell’iniziativa “Italian Screens”; la Giornata del Design Italiano; la partecipazione del regista e attore Massimiliano Finazzer Flory all’Italian Film Festival di Miami con il documentario “Un coach come padre”, dedicato alla grande personalità del basket italiano Sandro Gamba.

Inaugurato il nuovo Istituto Italiano di Cultura di Miami

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×