Green Pass, certificato indispensabile per universitari e personale scolastico, scatta l’obbligo vaccinale nelle RSA

Il Consiglio dei ministri, riunitosi giovedì 9 settembre a Palazzo Chigi, ha approvato un decreto-legge che conferma, inasprisce o conferma sino al 31 Dicembre, l’obbligo di presentazione del Green Pass, o certificazione verde, all’interno di scuole università e strutte socio-sanitarie, residenziali e socio-sanitarie.

Negli istituti scolastici di primo e secondo grado e in tutte le altre sedi educative e formative di vario tipo, sino al 31 dicembre, l’obbligo è tale per chiunque accede alle strutture, esclusi bambini, alunni e studenti, nonché i frequentanti i sistemi regionali di formazione, ad eccezione di coloro che prendono parte ai percorsi formativi degli Istituti tecnici superiori.
In questi luoghi, il controllo è affidato al dirigente scolastico e ai responsabili dei lavoratori.

L’obbligo di Green pass è totale per chi accede alle strutture del sistema nazionale universitario.
I responsabili delle Università e delle istituzioni di alta formazione artistica, musicale e coreutica sono tenuti a verificare il rispetto delle prescrizioni. Gli atenei dovranno organizzare, a loro descrizione, controlli a campione.


Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Dal 10 ottobre, e fino al 31 dicembre prossimo, si applica l’obbligo vaccinale nelle strutture residenziali, socio-assistenziali e sociosanitarie. Devono dimostrare di essere vaccinati tutti i soggetti che svolgono, a qualsiasi titolo, la propria attività lavorativa nelle strutture residenziali, socio-assistenziali, sociosanitarie e hospice.

Le misure del decreto per il personale del mondo scolastico, universitario e socio assistenziale non si applicano ai soggetti esenti dalla campagna vaccinale sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...