Cremona, Via libera al Pianto attuativo per l’ampliamento di Avantea

Cremona, 2 dicembre 2020 – Via libera della Giunta, su proposta del Vice Sindaco Andrea Virgilio, all’adozione del Piano Attuativo relativo all’Ambito di Trasformazione denominato CR.35 di via Porcellasco presentato dal prof. Cesare Galli in qualità di legale rappresentante della Società Avantea S.r.l.

“Dopo i passaggi avvenuti in Consiglio Comunale, la decisione presa oggi dalla della Giunta segna la conclusione di un percorso definito da Regione Lombardia e soprattutto il raggiungimento di un obiettivo fortemente voluto per consentire ad Avantea la realizzazione di un progetto importante per la ricerca”.

“La Regione – prosegue il Vice Sindaco – ha infatti individuato una procedura da applicare, quella di una variante al Documento di Piano per inserire un nuovo Ambito di Trasformazione che prevede la possibilità di realizzare esclusivamente funzioni a ‘servizi generali e attrezzature di interesse comune sedi di centri di ricerca’, per queste ragioni l’iter è stato complesso e gli enti locali hanno dovuto adottare una tempistica rigorosa imposta anche dalla nuova legge regionale in tema di consumo di suolo”.

“Nel corso di questi mesi abbiamo sempre dato la massima disponibilità ad accelerare i tempi nell’ambito di una procedura che impone regole chiare che andavano rispettate. Per questo un ringraziamento va al dirigente dell’Unità di staff Urbanistica e Area Omogenea, Marco Masserdotti, e a Marco Cerri, responsabile del Servizio Pianificazione Urbana e a tutti i loro collaboratori. Ora, dando il via al Piano Attuativo, che ha una validità di dieci anni, Avantea, che rappresenta da tempo un’opportunità importante per lo sviluppo universitario e la ricerca scientifica nel settore in cui opera, può procedere alla realizzazione di questo progetto che ha una rilevanza che supera certamente i confini locali”, conclude il Vice Sindaco.

L’ambito urbanistico di questo Piano Attuativo è situato nella zona nord-orientale del territorio comunale, all’interno di una vasta area che ha una destinazione prettamente agricola, caratterizzata dalla presenza di cascine sparse distribuite all’intorno, oltre ad un unico edificio a carattere non rurale, costituito dalla ex sede del Centro per la Ricerca e Sperimentazione in Agricoltura, immobile ormai in disuso da anni. Gli insediamenti residenziali più prossimi, quelli dal quartiere Maristella, di Persico o Persichello si trovano a più di un 1 km di distanza.

L’area, di proprietà della società Avantea s.r.l., necessitava di essere destinata a “servizi” per insediarvi le attrezzature necessarie allo sviluppo dell’attività di ricerca condotta nelle strutture esistenti e confinanti. Considerata la posizione dell’area, esterna al tessuto urbano consolidato, e della sua estensione, pari a circa 30.000 metri quadri, la procedura applicata è stata quella di una variante puntuale al PGT che individuasse un nuovo Ambito di trasformazione nel Documento di piano, operando in “bilancio ecologico” ai sensi della legge regionale 31/2014.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...