Cremona, centri ricreativi diurni estivi 2020

Cremona, 04 Giugno 2020 – Sono state pubblicate “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza covid-19”, approvate dal Dipartimento per le politiche della famiglia lo scorso 16 maggio, che dettano le regole nazionali per l’organizzazione delle attività estive e consentono ora di ripartire anche dai bambini pur tenendo alto il livello di guardia rispetto alle misure di prevenzione del contagio.

Si è ancora in attesa dell’intervento normativo della Regione Lombardia che potrebbe prescrivere ulteriori misure.

Le Linee Guida impongono a tutti i gestori che intendano avviare attività estive di predisporre un progetto da sottoporre all’approvazione da parte del Comune e dell’ATS, per quanto di rispettiva competenza.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Il Comune ha avviato la procedura per approvare un elenco che consentirà alle famiglie di sapere quali sono i centri estivi autorizzati.

Il D.P.C.M. del 17 maggio 2020 prevede infatti che i centri possano partire non prima del 15 giugno 2020, nel rispetto delle “Linee guida” e solo a seguito dell’approvazione di Comune e ATS.

Le famiglie potranno iscriversi presso i gestori scelti che, nell’accogliere le domande di iscrizione, si impegnano ad adottare i criteri prioritari di accesso previsti dalle stesse Linee Guida stesse (es: situazioni con entrambi i genitori lavoratori, nuclei familiari monoparentali, incompatibilità del lavoro dei genitori con lo smart-working, condizioni di fragilità).

Per informazioni e chiarimenti è possibile inviare una e-mail all’indirizzo: [email protected]une.cremona.it oppure contattare gli uffici di riferimento del Servizio Politiche Educative al n. 0372/407905 – 407785 – 407903.

 

NORMATIVA

Il D.P.C.M. del 17 maggio 2020 “Disposizioni attuative del decreto-legge 25 marzo 2020, n. 19, recante misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19, e il decreto-legge 16 maggio 2020, n. 33, recante ulteriori misure urgenti per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19”, decreta all’art. 1 la possibilità di apertura di attività estive organizzate da enti pubblici e privati per bambini e ragazzi, da 3 a 17 anni, a partire dal 15 giugno 2020 purché vengano realizzate nel rispetto delle “Linee guida per la gestione in sicurezza di opportunità organizzate di socialità e gioco per bambini ed adolescenti nella fase 2 dell’emergenza covid-19” approvate dal Dipartimento per le politiche della famiglia il 16 maggio 2020 (scarica le “Linee Guida”).

Con l’emanazione del Decreto Legge n. 34 del del 19 maggio 2020 sono stati previsti inoltre interventi di supporto specifici per la gestione di attività estive e per le famiglie, che devono ancora essere declinati dal Governo.

Sono state rese note per ora solo le modalità di richiesta da parte diretta delle famiglie del bonus babysitter, utilizzabile anche per pagare centri estivi.

 

Si è ancora in attesa dell’intervento normativo della Regione Lombardia che potrebbe prescrivere ulteriori misure


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...