Coronavirus. Fontana e Mattinzoli: semplificazione e risorse per imprese

Confartigianato ha presentato in Regione la ‘Relazione Annuale’

Milano, 13 Ottobre 2020 – “Semplificazione e sostegno economico al mondo produttivo”. Sono questi gli strumenti che nell’ambito della presentazione della ‘Relazione Annuale di Confartigianato Lombardia’, il presidente della Regione, Attilio Fontana, ha indicato come “le parole d’ordine della Regione Lombardia per reagire agli ingenti e imprevedibili danni causati dal coronavirus“. “La nuova legge regionale introduce semplificazioni a favore delle imprese – ha spiegato Attilio Fontana – per accelerare processi e decisioni su investimenti e opere infrastrutturali. Semplificando le procedure amministrative e riducendo le tempistiche”.

La legge sulla semplificazione

Una legge, quella approvata di recente dal Consiglio regionale, che prevede, fra l’altro, la semplificazione dei procedimenti amministrativi di competenza regionale mediante il ricorso alla conferenza di servizi decisoria, semplificata e asincrona. Come pure la semplificazione della conferenza di servizi per progetti infrastrutturali e per opere e interventi soggetti a ‘Via’ non statale. Si prevede un unico procedimento autorizzatorio regionale – il Paur – che ricomprende tutti i procedimenti in capo a Regione. Con ciò evitando duplicazioni nella gestione delle richieste. E, ancora, una condivisione dei dati tramite l’accesso telematico e senza oneri al registro delle imprese.

Garanzia nell’accesso al credito

Allargando il proprio ragionamento alle azioni di carattere economico-finanziario il governatore Fontana, che aveva al suo fianco l’assessore allo Sviluppo economico, Alessandro Mattinzoli, nel sottolineare il grande impegno messo in campo delle imprese artigiane, che stanno dimostrando forza e coraggio nell’attuale difficile situazione, ha ricordato che “il sostegno alle imprese, per garantire liquidità e accesso al credito, è sempre al centro dell’azione regionale con diverse misure concordate e apprezzate dai nostri stakeholders”.

La centralità delle Misure ‘Al Via’

A tal proposito, l’assessore Alessandro Mattinzoli, ha evidenziato “l’importanza delle misure ‘Al Via’ con agevolazioni per la valorizzazione degli investimenti aziendali, ‘Credito Adesso‘ che ha generato investimenti per oltre 7 milioni di euro, ‘Credito Adesso Evolution‘ attivata in piena emergenza sanitaria, ha generato investimenti per oltre 1 milione di euro e il ‘Fondo per il sostegno a credito per le imprese cooperative’, contributi che hanno generato investimenti per circa 2 milioni di euro”.

I numeri

“Abbiamo realizzato – ha sottolineato l’assessore – misure per sostenere subito il nostro tessuto produttivo fatto da micro, piccole e medie imprese. Alcuni dati – ha precisato – danno la fotografia chiara di quanto i nostri provvedimenti rispondano alle esigenze delle imprese. Dall’apertura dello sportello di ‘Al Via’, nel luglio 2017, sono giunte complessivamente 767 domande. Il valore complessivo degli investimenti presentati è pari a 536,8 milioni di euro. Per quanto riguarda ‘Credito Adesso’, rispetto al solo periodo Covid, sono arrivate 135 domande per 72 milioni di finanziamenti richiesti. Inoltre, per ‘Credito Adesso Evolution’ abbiamo 403 domande per 222 milioni di euro di finanziamento richiesti. Per il Fondo sostegno al credito per le imprese cooperative, infine, ci sono 4,8 milioni di contributi e 7,9 milioni di investimenti. Pochi esempi – ha concluso – che ora ci portano a considerare altri punti strategici a partire dalla digitalizzazione e dalle opportunità della green economy”.

Potenziamento della digitalizzazione

Mattinzoli ha, quindi, evidenziato come: “l’impegno della Regione sia mirato anche a incrementare il potenziamento della digitalizzazione nel mondo artigiano e la valorizzazione delle opportunità della new economy. Due elementi fondamentali per valorizzare ulteriormente le attività di questo comparto”.

La chave di volta del ‘Piano Lombardia’

Il tutto senza dimenticare il ‘Piano Lombardia‘, “che – hanno ricordato Fontana e Mattinzoli – prevede un investimento senza precedenti in opere pubbliche, finalizzate a guidare l’avvio della ricostruzione economica e sociale con un Piano straordinario per rimettere in moto il circolo virtuoso del lavoro e dell’impresa”.

Le risorse

Con questo Piano, infatti, sono stati messi a disposizione investimenti per 3,5 miliardi di euro nel triennio 2020-2022. Con azioni programmate per un valore complessivo di 5,5 miliardi di euro. Di queste ingenti risorse, 400 milioni sono stati subito messi a disposizione per interventi urgenti e rapidamente cantierabili.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...