Coronavirus, altri 7,5 milioni per credito a imprese e professionisti

Milano, 16 Aprile 2020 – La Giunta di Regione ha approvato un’altra delibera che viene in aiuto delle Micro, Piccole e Medie Imprese e dei Liberi Professionisti sul versante del Credito utilizzando i Consorzi di garanzia Collettiva fidi (Confidi).

Il provvedimento è stato approvato su proposta dell’assessore regionale allo Sviluppo Economico Alessandro Mattinzoli. Si tratta di un provvedimento che andrà a migliorare l’accesso al credito delle categorie più colpite dal blocco delle attività, utilizzando 7,5 milioni di euro del Programma Operativo Regionale (Por) Fesr (Fondo europeo di sviluppo regionale) derivanti dalle economie sulla Linea di intervento Controgaranzie 1.

PROVVEDIMENTI PER TESSUTO PRODUTTIVO

“È la prima parte d’un pacchetto di provvedimenti economici che stiamo presentando in questo mese e guardano con molta attenzione all’accesso al credito e alla liquidità delle imprese”, ha commentato l’assessore Mattinzoli.

“Un lavoro della Direzione allo Sviluppo economico – ha sottolineato Mattinzoli – coordinato dalla Presidenza di Regione Lombardia con la piena collaborazione del Segretariato e della Direzione Bilancio a favore del tessuto produttivo. Il valore aggiunto di queste misure è quello di aver allargato il plafond dei beneficiari, di aver innalzato l’importo concesso e l’arco temporale per la restituzione, infine di aver abbattuto i tassi senza i freni della solita burocrazia nel rispetto dei regolamenti”.

DIVENTERA’ FUTURO

“Questa è la strada da intraprendere in un momento di grande emergenza – ha spiegato – ma che deve diventare ordinarietà nel futuro con provvedimenti semplificati, snelli e applicabili. Due di queste tre delibere, Genius e abbattimento dei tassi d’interesse, hanno visto rispettivamente la preziosa collaborazione dell’assessore Melania Rizzoli e dell’assessore Fabio Rolfi”.

 TIPOLOGIA DI INTERVENTO FINANZIARIO

La misura prevede un periodo di costruzione del portafoglio (Periodo di riferimento). Il massimo importo escutibile a ciascun Confidi è pari all’ 8% del Plafond di riferimento. La controgaranzia è concessa nella misura massima del 90% dell’importo garantito dal richiedente (Confidi) per le controgaranzie concesse nell’ambito del Quadro Temporaneo.

La stessa controgaranzia è concessa nella misura massima del 80% dell’importo garantito dal Soggetto richiedente (Confidi) per le controgaranzie concesse nell’ambito del regime de minimis.

In ogni caso la controgaranzia rilasciata per singola operazione non può superare l’importo di 800.000 di euro indipendentemente dal valore della garanzia rilasciata dal Soggetto richiedente.

La controgaranzia è rilasciata a titolo gratuito al Confidi che dovrà trasferire il beneficio sui destinatari finali, PMI e Professionisti, applicando uno sconto sul prezzo finale della garanzia, rispetto al costo teorico di mercato.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...