Campobasso, online il sito per la Salvaguardia e Valorizzazione delle Feste di Sant’Antonio Abate

Campobasso, nel mese di marzo è giunto a conclusione l’iter al quale ha partecipato fattivamente anche l’Amministrazione comunale di Campobasso, per la firma ufficiale del protocollo di intesa della “Rete Italiana per la Salvaguardia e Valorizzazione delle Feste di Sant’Antonio Abate”.

Oltre a Campobasso, nella Rete sono rientrate Collelongo (L’Aquila), Fara Filiorum Petri (Chieti), Macerata Campania (Caserta), Novara di Sicilia (Messina), Novoli (Lecce), Pedara (Catania) e San Mauro Forte (Matera).

“La rete – come ha spiegato l’assessore alla Cultura del Comune di Campobasso, Paola Felice – è aperta all’inclusione di tutte le Comunità patrimoniali italiane, che partecipano all’organizzazione e allo svolgimento dei festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate che caratterizzano le aree territoriali di loro interesse. Campobasso ha un ruolo tradizionalmente importante in questo senso e l’essere stati individuati come città referente non solo regionale, ma bensì subnazionale, nazionale e internazionale della Rete è un riconoscimento per la nostra intera comunità per aver contribuito alla salvaguardia e alla valorizzazione degli elementi che caratterizzano i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio Abate, che nella loro unicità rappresentano una parte significativa del patrimonio culturale immateriale dell’Italia.”

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Da oggi la Rete ha anche un apposito sito internet, https://reteitaliana.santantuono.it/, nel qual verranno non solo condivise e riportate le attività delle diverse comunità aderenti al progetto, ma c’è spazio per un vero Inventario online delle feste di Sant’Antonio Abate, il quale è costantemente aggiornato e implementato dai soggetti detentori e protagonisti del patrimonio vivente in linea con la Convenzione UNESCO del 2003 per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...