Brescia, referendum costituzionale: voto al domiciliare per chi è in quarantena

Brescia, In occasione del referendum costituzionale del 20-21 settembre prossimi, in base a quanto stabilito dall’art. 3 del decreto legge n. 103/2020, gli elettori sottoposti a trattamento domiciliare e quelli che si trovino in condizioni di quarantena o di isolamento fiduciario per Covid-19 sono ammessi ad esprimere il voto presso il proprio domicilio nel comune di residenza.

A tal fine, entro martedì 15 settembre, l’elettore deve far pervenire al Sindaco del Comune nelle cui liste è iscritto i seguenti documenti:
a) una dichiarazione in cui attesta la volontà di esprimere il voto presso il proprio domicilio, indicando con precisione l’indirizzo completo del domicilio stesso;
b) un certificato, rilasciato dal funzionario medico designato dai competenti organi dell’azienda sanitaria locale, in data non anteriore al 6 settembre, che attesti l’esistenza delle condizioni di cui all’articolo 3, comma 1, del decreto-legge 103/2020 (trattamento domiciliare o condizioni di quarantena o isolamento fiduciario per Covid-19). Nel caso in cui l’elettore non sia in grado di produrre il certificato potrà presentare una dichiarazione sostitutiva dell’esistenza delle condizioni di cui all’articolo 3, comma 1, del decreto-legge 103/2020, che l’ufficio provvederà a verificare con le autorità compenti.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...