Bologna, il progetto regionale “Incredibol!” premia creatività, cultura e innovazione

10 le startup selezionate in tutta la regione

Bologna, il progetto regionale “Incredibol!” premia creatività, cultura e innovazione. 

 

Sono 10 i progetti di startup attive in Emilia-Romagna nel campo delle industrie culturali e creative che riceveranno contributi per un totale complessivo di 120mila euro nell’ambito di Incredibol!, progetto di ampiezza regionale giunto alla undicesima edizione, promosso e coordinato dal Comune di Bologna e sostenuto dalla Regione Emilia-Romagna attraverso un protocollo d’intesa triennale sullo sviluppo di un settore ad alto potenziale di crescita per il territorio e realizzato grazie a un’ampia partnership pubblico-privata.

I nuovi vincitori anche quest’anno coprono un raggio di azione molto vasto: nel campo dell’artigianato artistico, e in particolare della lavorazione del vetro, è stata premiata la Vetreria d’arte Gamberini; due i progetti in ambito cinema, quello di Approdi, che si propone come polo culturale e produttivo per fare rete sul territorio e il progetto di Corrado Iuvara, libero professionista attivo nella post-produzione; per la moda le creazioni di Efelidi di Elisa Silvestri, che riscoprono antiche tecniche di lavorazione artigianale; il settore videogame è rappresentato da More Games Studio di Matteo Manicone, che offre agli sviluppatori un servizio di multi-piattaforma; presente anche la musica con Francesco Cavasinni che si occupa di sound design, jingle e trascrizione musicale; c’è anche una libreria indipendente, La Confraternita dell’uva, che propone un ricco programma di eventi e festival; non mancano la fotografia, con il libero professionista Mattia Bianco che inventa corsi per tutti i gusti e le esigenze e il mondo della grafica/illustrazione/stampa, rappresentato per il Collettivo Franco dalla libera professionista Elena Guidolin, con numerosi progetti cross settoriali. E per finire, per la prima volta entra il tema dei giochi da tavolo con Next Chess Level, che lancia un nuovo gioco “della mente”, disponibile anche in versione virtuale.

I 10 vincitori sono stati selezionati tra i 46 progetti d’impresa nell’ambito dei settori ICC candidati, provenienti da tutta la regione Emilia-Romagna. Oltre al contributo in denaro di 12.000 euro, i vincitori beneficiano di un accompagnamento su misura per far crescere il proprio progetto d’impresa, attraverso un mix di servizi messi a disposizione dalla rete dei partner: consulenze, formazione e promozione, oltre alla possibilità di ottenere spazi di proprietà comunale in comodato d’uso gratuito per sviluppare il proprio progetto d’impresa.

Dei 10 progetti vincitori, 6 si trovano nel territorio metropolitano di Bologna e gli altri 4 sono distribuiti nel resto della Regione.

I vincitori di questa edizione:

Vetreria d’arte Gamberini di Camilla Cevolani (impresa, Bologna). Laboratorio bolognese di progettazione, creazione e restauro di vetrate artistiche, che valorizza l’antica tecnica di lavorazione delle “dalles de verre”.
Info: www.vetreriadartegamberini.it

Francesco Cavasinni (libero professionista, Bologna). Con il suo OL Studio si occupa di composizione e produzione musicale a 360°, proponendo una gamma completa di servizi legati al trattamento del sonoro.
Info: www.olmusicstudio.com

More games studio di Matteo Manicone (impresa, Forlì). Offre agli sviluppatori di videogame un servizio completo di porting in tutte le sue fasi, dalla conversione vera e propria alla pubblicazione sugli store console e on line, con periodica verifica degli aggiornamenti.
Info: https://moregamesstudio.com

La Confraternita dell’uva – Libreria indipendente di Santangelo Giorgio (impresa, Bologna). Libreria indipendente nel centro di Bologna, che ha saputo reinventarsi a seguito della pandemia proponendo un catalogo di piccole e medie case editrici indipendenti, con cui collabora direttamente e organizza eventi e festival letterari.
Info: Pagina Facebook

Mattia Bianco (libero professionista, Modena). Fotografo e videomaker specializzato nella creazione di contenuti per le aziende e di progetti artistici personali, che si pone l’obiettivo di creare una scuola di fotografia stabile in ambito modenese.
Info: www.worldwhite.it

Corrado Iuvara (libero professionista, Bologna). Libero professionista attivo nella post-produzione audiovisiva che fa montaggio, color grading e servizi di laboratorio per cinema e tv, sfruttando le nuove possibilità di lavoro da remoto.
Info: www.korelab.xyz

Approdi srl (impresa, Rimini). Con il progetto “Mare aperto” si vuole realizzare l’apertura di un centro di cinema, luogo fisico di incontro e aggregazione che diventi un punto di riferimento sul territorio, offrendo servizi culturali e produttivi, spazi di networking e formazione.
Info: https://approdicinema.com

Elena Guidolin (libera professionista, Bologna). Membro di Collettivo Franco attivo nella grafica e comunicazione con finalità inclusive, partecipative e sociali, che opera in sinergia con varie realtà del territorio, come scuole, richiedenti asilo e senza dimora o cooperative di servizi rivolti agli adolescenti.
Info: www.collettivofranco.com

Efelidi di Elisa Silvestri (impresa, Modena). Piccola bottega di produzione artigianale tessile che vuole riscoprire antiche tecniche di lavorazione come la tessitura con telaio in legno, l’intreccio della paglia e la stampa a ruggine.
Info: www.efelidi.art

Next Chess Level di Alessandro Franco (impresa, Bologna). Progetto che si sviluppa su due fronti: la creazione di un nuovo gioco da tavolo, sia in forma fisica che digitale e l’ampliamento di una rete di tornei già esistente che include tutti i giochi “della mente”.
Info: www.nextchesslevel.com

Info e contatti:
[email protected]
www.incredibol.net
facebook.com/incredibol

 

Bologna, il progetto regionale “Incredibol!” premia creatività, cultura e innovazione. 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...