Bari, lungo le coste cittadine arrivano pesci e polpi “mangia plastica”

Le istallazioni saranno accompagnate da appositi cartelli educativi

Bari, nei giorni scorsi la giunta comunale ha approvato la delibera relativa alla convenzione tra Comune di Bari e le associazioni ambientaliste Legambiente – Circolo “Eudimonia” di Bari e Retake Roma – Sezione di Bari per la realizzazione di una o più installazioni artistiche denominate “Pesce mangia plastica” e “Polpo mangia plastica” da collocare in alcuni punti strategici lungo la costa per la raccolta di rifiuti in plastica che si accumulano lungo gli arenili o in alcuni casi nelle acque marine. Le istallazioni saranno accompagnate da appositi cartelli educativi per illustrare ai fruitori delle aree di collocazione le finalità dell’iniziativa e le tipologie di rifiuti recuperabili.

Le associazioni, con il contributo del Comune di Bari, si impegnano a curare il periodico svuotamento delle installazioni artistiche dai rifiuti accumulatisi, contemperando le esigenze educative dell’iniziativa con la necessità di assicurare il decoro dei luoghi, a provvedere alla differenziazione dei rifiuti raccolti e al loro successivo conferimento presso i locali centri comunali di raccolta, a provvedere alla manutenzione delle installazioni in cado di danni conseguenti all’usura dei materiali o ad eventi imprevedibili e ad organizzare eventi, campagne, manifestazioni ed iniziative di informazione e di educazione ambientale rivolte alla cittadinanza, al fine di promuovere un comportamento virtuoso nella gestione dei rifiuti prodotti duranti gli usi ricreativi delle spiagge e degli ambienti marini.
L’obiettivo di questa iniziativa è rendere evidenti le conseguenze sulla fauna marina e, dunque, sull’intera catena alimentare, derivanti dall’abbandono dei rifiuti plastici in mare e negli ambienti costieri.
“Questo è secondo noi un modo semplice e innovativo per sensibilizzare i cittadini alla pulizia delle spiagge, alla corretta raccolta differenziata e per diffondere una sana cultura della sostenibilità ambientale – spiega l’assessore all’Ambiente Pietro Petruzzelli -. Insieme ai volontari di Legambiente e di Retake nelle prossime settimane saremo a disposizione dei bagnanti per educare al giusto utilizzo di questi manufatti”.

Nel frattempo, è arrivato a Palazzo di Città “Getto”, il primo “pesce mangia plastica” donato da Progetto Bari all’AMIU. Il manufatto, realizzato dagli studenti dell’Accademia delle Belle Arti, sarà installato sulla spiaggia di Pane e Pomodoro.
“Mai come in questo momento abbiamo l’obbligo di adeguare i nostri comportamenti individuali e collettivi – hanno dichiarato i rappresentanti di Progetto Bari – a scelte di vita virtuose per evitare che l’utilizzo della plastica faccia saltare i già precari equilibri del nostro ecosistema marino”.


Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...