Ancona, UNICEF e Comune insieme da 30 anni, e molti altri, per i diritti dell’infanzia

La presidente nazionale di UNICEF ha incontrato il Sindaco ieri nella residenza municipale

Ancona, UNICEF e Comune insieme da 30 anni, e molti altri, per i diritti dell’infanzia.

Visita ieri in Comune della Presidente di Unicef Italia, Carmela Pace, accompagnata dalla presidente provinciale Paola Guidi, in occasione del trentennale della ratifica da parte dell’Italia della convenzione ONU sui diritti dell’infanzia e della adolescenza. La presidente Unicef e il Sindaco di Ancona hanno sottoscritto congiuntamente un documento in cui ribadiscono l’impegno reciproco per la piena attuazione della Convenzione.

Al primo cittadino, affiancato dagli assessori alle Politiche Educative, Tiziana Borini, e alle Politiche sociali Emma Capogrossi, la presidente Pace ha illustrato le attività svolte sul territorio e ricordato con le amministratici i numerosi progetti condivisi con l’Amministra- zione comunale, tra i quali quello, recente, finalizzato a sostenere giovani vulnerabili che vivono in condizioni di disagio sociale insegnando loro un mestiere, quello del parrucchiere. Non poteva mancare un particolare riferimento, in questa fase, alle tragiche conseguenze della guerra in Ucraina, che colpisce, come sappiamo, moltissimi bambini e ragazzi insieme alla popolazione inerme: oltre alle raccolte fondi, l’Unicef è impegnata attivamente anche su questo fronte insieme con UNHCR e Croce Rossa nella tutela dei minori. A questo proposito l’assessore Capogrossi ha riferito le azioni intraprese dalla Amministrazione comunale d’intesa con ANCI e con la rete istituzionale e associativa (divulgate ieri con un comunicato stampa), quali l’attivazione numero telefonici per dare informazioni a profughi e cittadini e una casella di posta elettronica dedicata mentre si sta lavorando all’ampliamento dei posti per l’accoglienza e disciplinando le modalità di affido temporaneo. I problemi da affrontare sono molteplici a fronte di una nuova, imprevista emergenza umanitaria che fa seguito a quella dell’emergenza pandemica negli ultimi due anni.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...