Nuovo accordo SIAE-Comune per agevolare e incentivare la promozione di spettacoli

95

E’ ormai intesa tra Enti Locali, rappresentati dall’Associazione Nazionale Comuni d’Italia, ANCI, e la SIAE, la Società Autori ed Editori che a Milano opera dal 1932 per la tutela dei diritti di autore: l’accordo, che riguarda una rinnovata disciplina delle utilizzazioni musicali per eventi promossi dal Comune o da organizzazioni a nome dello stesso, è stato siglato, è stato presentato Giovedì 3 Novembre presso Palazzo Reale, struttura rappresentativa delle iniziative culturali del capoluogo lombardo, e sostiuisce integralmente l’accordo che era stato pattuito nel 2002.

Che cosa prevede il nuovo accordo siglato tra le due realtà è subito detto: agevolazioni notevoli sia nella fase organizzativa e burocratica, sia per i costi dei compensi dovuti alla SIAE per l’utilizzo di materiale soggetto a diritto d’autore o di intelletto per l’ente locale, il Comune, per qualsiasi organizzazione privata che promuova spettacoli o eventi a nome del Comune, per associazioni partecipate dal Comune e per organismi controllati dagli Enti Locali. Soddisfatto risulta l’Assessore alla Cultura del Comune di Milano, Filippo Del Corno, che plaude all’accordo come elemento necessario per una “nuova intesa” che “favorisce l’incontro tra comuni e organizzatori verso offerte più ricche e città più attrattive”. Era presente durante la presentazione del nuovo accordo anche il presidente di SIAE, Filippo Sugar, che ha evidenziato come SIAE con tale accordo nuovo abbia riconosciuto “l’importante ruolo e l’impegno dei Comuni come promotori e organizzatori di manifestazioni musicali e culturali”.

In sintesi possiamo dire che il nuovo accordo tra SIAE e ANCI definisca una promozione del repertorio artistico tutelato dall’organizzazione e garantisca un accesso allo stesso più agevolato e facilitato. Vediamo in specifico quali sono i capisaldi su cui si struttura il nuovo accordo: gli organizzatori di eventi e di spettacoli, incluso il Comune, potranno accedere direttamente al portale online della SIAE per compilare i programmi musicali tramite l’ormai celebre mioBorderò in formato piattaforma web. Non finiscono qui le novità dell’accordo statuito: si registreranno riduzioni notevoli della quota di contribuiti da prendere come riferimento per la base di calcolo, si parla di una riduzione dal 50% al 35%, prevedendo forme di accordo con il luogo in cui si svolge lo spettacolo modificabili in base alla presenza di partecipanti, nonchè accordarsi per un sistema forfettario. L’accordo non tralascia eventi e spettacoli organizzati gratuitamente per le quali si può prevedere una riduzione maggiore, si stima un aumento dal 10% al 15%, concessa sui compensi fissi.

Articolo di Alessandro Rizzo

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...