Milano, iniziati i preparativi per i Balletti alla Scala

Spettacoli a dicembre, gennaio e febbraio

Milano, iniziati i preparativi per i Balletti alla Scala.

Ferve l’attività in sala ballo per gli artisti scaligeri impegnati nelle produzioni con cui si aprirà la programmazione di Balletti alla Scala.

A partire dal 15 dicembre, con l’Anteprima giovani andata esaurita in pochi minuti, la serata inaugurale del 17 dicembre e fino all’11 gennaio, torna il balletto che più si identifica con il periodo di festività, e uno dei titoli che più si lega alla storia del balletto alla ScalaLo schiaccianoci di Rudolf Nureyev, che, a sedici dalle precedenti rappresentazioni, avvenute nel 2006, sarà una nuova vetrina per gli artisti della Compagnia: in 11 recite, cinque cast si alterneranno nei ruoli principali, tutti da scoprireNicoletta Manni  e Timofej Andrijashenko protagonisti dell’ Anteprima Giovani (15 dicembre), della recita di apertura il 17 dicembre e dello spettacolo del 18 dicembre (ore 14.30) ; Agnese Di Clemente e Claudio Coviello, in scena il 21 e poi il 28 dicembre;  Alice Mariani e Navrin Turnbull il 30 dicembre e il 3 gennaio;  Martina Arduino e Jacopo Tissi che saluteranno il 2022 nella recita di fine anno, il  31 dicembre (ore 18), poi  di nuovo in scena il 4 e il 7 gennaio;  Virna Toppi e Nicola Del Freo  a cui è affidata la recita del 5 gennaio e la serata conclusiva dell’11 gennaio .

Ma in sala ballo si alternano in questo periodo anche le prove dei quattro titoli, altrettanto nuovi per la attuale Compagnia,  che compongono il programma atteso per sette rappresentazioni dal 3 al 9 febbraio, Dawson/Duato/Kratz/Kylián,  un “mixed bill” imperdibile, una ricca serata che riunisce con quattro firme di grande originalità diverse generazioni e universi creativi: in prima assoluta la creazione di Philippe Kratz Solitude Sometimes, in debutto nazionale Anima Animus di David Dawson¸ creato nel 2018 per il San Francisco Ballet su musica di Ezio BossoBella Figura, gioiello del 1995, che ritorna in scena in omaggio a Jiří Kylián e , mai visto alla Scala  Remanso, trio maschile che vedrà protagonista Roberto Bolle,  creato da Nacho Duato nel 1997 per l’American Ballet Theatre.

La Campagna abbonamenti è ancora in corso e sono già in vendita anche i  biglietti per il programma di febbraio.

Milano, iniziati i preparativi per i Balletti alla Scala

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...