Lo Smartphone come strumento per le Indagini Investigative

Gli strumenti fondamentali degli investigatori : Lo smartphone

Non solo l’essere “irriconoscibili”, l’eleganza e il cappello fedora; nel 2020 coloro che svolgono la professione di Investigatore Privato Roma necessitano di ben altra strumentazione: oggi vedremo il primo degli strumenti indispensabili ad un.
1. LO SMARTPHONE

Lo smartphone non è solo strumento di svago o uno strumento utilizzato per effettuare chiamate; Grazie ai telefonini moderni, siamo in grado di scattare fotografie, girare video, effettuare registrazione vocali e navigare sulla rete.

Presso la grande distribuzione sono in commercio cellulari dotati di fotocamere ad alta risoluzione e ormai in grado di sostituire in toto la vecchia macchina fotografica compatta. Questi dispositivi peccano ovviamente di un’ottica adeguata con la quale immortalare scene ad una certa distanza, vengono per tanto utilizzati dal detective quando si presta a scattare foto ad oggetti posti a distanza limitata, come quadri citofonici, portoni, interni di immobili o di autovetture ecc.

“Seguivo un uomo per conto di una piccola azienda. La mia Cliente sospettava che egli, durante i suoi periodi di malattia, svolgesse un secondo lavoro.
Durante il pedinamento sfruttai l’attimo in cui il mio sorvegliato si trovava all’interno di un bar, per scattare una fotografia con il mio IPhone 5s all’interno dell’abitacolo della sua auto. Sul sedile del passeggero era posizionata una pila di volantini che promuovevano l’inizio attività di una ditta chiaramente in concorrenza con quella della mia Cliente. Dando un’occhiata in seguito alle foto, mi accorsi che sui volantini era specificato, tra i contatti, il nome di un referente che coincideva con quello dell’uomo che stavo sorvegliando. Il foglio recava persino il numero di cellulare, il medesimo che il mio sorvegliato aveva fornito alla Cliente in sede di assunzione: era chiaro che l’uomo stava prestando servizio presso un’azienda in concorrenza a quella cui era dipendente.”

Data la difficoltà nel mettere a fuoco soggetti in movimento, lo smartphone viene utilizzato in particolare per fotografare immobili, soprattutto quando si stanno svolgendo i classici sopralluoghi informativi (trattati nei prossimi articoli).
Non è raro però che l’investigatore adoperi la fotocamera del telefono anche durante un servizio di pedinamento, in particolare per immortalare soggetti più o meno fermi all’interno di uno spazio ridotto o affollato (ad esempio all’interno di un vagone della metropolitana o all’interno di un supermercato).
Specializzatevi dunque a scattare fotografie e girare filmati con il vostro cellulare senza essere notati da nessuno.

VERDILE INVESTIGAZIONI | Agenzia Investigativa Roma

Commenti
Loading...