Vicenza, prorogate le mostre “Infernus” e “Romano Lotto. Nel segno del paesaggio”

Le esibizioni rispettivamente in Basilica palladiana e a Palazzo Chiericati

Vicenza, sono state prorogate fino a settembre le due mostre in corso nei Musei civici di Vicenza che si sarebbero dovute chiudere in agosto. La mostra “Infernus. Leonardo Frigo racconta l’Inferno di Dante Alighieri” si potrà visitare nel salone della Basilica palladiana fino al 19 settembre, la mostra “Romano Lotto. Nel segno del paesaggio” rimarrà allestita negli spazi ipogei di palazzo Chiericati fino al 30 settembre.

“Basilica palladiana e Palazzo Chiericati continueranno ad ospitare rispettivamente la mostra Infernus e la personale di Romano Lotto fino al mese di settembre – dichiara l’assessore alla cultura Simona Siotto -. Grazie alla disponibilità degli organizzatori abbiamo ritenuto di mettere ancora a disposizioni gli spazi nei due monumenti cittadini per offrire l’opportunità di visitare le due esposizioni a fronte anche degli ingressi contingentati. In questi giorni numerosi sono i turisti che raggiungono Vicenza per visitare i nostri musei e questo è per noi motivo di soddisfazione visto che stiamo cercando con grandi sforzi di adeguarci alla normativa anticovid e garantire l’apertura degli spazi museali. Inoltre una bella sorpresa attende gli appassionati di arte: il 26 agosto ci raggiungerà Romano Lotto, autore delle opere esposte negli spazi ipogei di Palazzo Chiericati, che fino ad ora non è riuscito a venire in città e che nei prossimi giorni quindi ci offrirà l’opportunità di dialogare con lui”.

“Infernus”

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Nella mostra “Infernus“, aperta fino al 19 settembre nel salone della Basilica, dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 18, l’artista Leonardo Frigo rende omaggio a Dante nell’anno in cui si celebrano i 700 anni della morte. Sono esposti 34 strumenti musicali (33 violini e un violoncello) sui quali l’artista ha realizzato a china le illustrazioni ispirate alla prima cantica della Divina Commedia, l’Inferno. Ogni strumento è dedicato ad un preciso canto, frutto di un lavoro minuzioso portato a termine in cinque anni.
La mostra è curata dal critico e storico dell’arte Gianfranco Ferlisi e organizzata da Tecnè srl con il patrocinio del Comune di Vicenza, che ospita questo originale progetto nel monumento palladiano. Agsm Aim è il main sponsor della mostra.
L’ingresso è compreso nel biglietto che permette di visitare il monumento.

La mostra “Romano Lotto. Nel segno del paesaggio”

Allestita negli spazi ipogei di Palazzo Chiericati, aperta fino al 31 agosto, dal martedì alle domenica dalle 10 alle 18, e dall’1 al 30 settembre dalle 9 alle 17, è curata da Giovanna Grossato e organizzata dall’assessorato alla cultura del Comune di Vicenza, dai Musei civici di Vicenza, da VenetArt e Qu.Bi media, con il patrocinio della Regione Veneto e il contributo della Fondazione Roi.
Sono esposte più di quaranta opere pittoriche – olio su tela – dell’artista vicentino che, specialmente attraverso il tema del paesaggio, esprime con un linguaggio contemporaneo la prorompente forza presente negli ambienti naturali ed extra urbani dei luoghi che lo hanno visto crescere artisticamente: Vicenza, in cui ha avuto la sua formazione, Roma – dove, a partire dal 1972 ha tenuto la cattedra di discipline pittoriche presso licei artistici – e Venezia in cui continua a vivere e lavorare per lunghi periodi dell’anno. La selezione esposta include alcuni lavori artistici, a partire dalla fine degli anni ’60 fino a quelli più recenti, alcuni dei quali inediti, dell’ultimo quinquennio.
L’ingresso alla mostra è gratuito.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...