Trieste, sigillo del 300 allo chef Triestino Matteo Metullio

"Da triestino -ha scritto nel libro d'oro del Comune Matteo Metullio – oggi per me è una giornata emozionante. Le cose belle della vita sono sempre le più semplici. W Trieste e grazie al sidaco Dipiazza per avermi consegnato questo sigillo".

Trieste, sigillo del 300 allo chef Triestino Matteo Metullio.

“Quando si parte dal niente e si raggiungono questi livelli le soddisfazioni e l’orgoglio sono ancora più grandi. Auguri e grazie a nome della città per quello che hai fatto e continuerai a fare”.

Con queste parole il sindaco Roberto Dipiazza, presenti anche il vicesindaco Serena Tonel e l’assessore Everest Bertoli, ha conferito questa mattina (lunedì 4 luglio) nel salotto azzurro del Comune di Trieste, il sigillo trecentesco della città al giovane al giovane chef triestino Matteo Metullio, che con il ristorante “Harry’s Piccolo” da lui gestito ha ottenuto due stelle Michelin.

A soli 31 anni, Matteo Metullio è stato l’unico Chef triestino che ha conquistato la seconda stella Michelin. La vicenda e il percorso di Matteo ha un notevole valore gastronomico, ma è anche una storia di emozione, passione ed amore. E’ un bell’esempio per i giovani che vogliono intraprendere l’impegnativa carriera di chef e per tutti i giovani che hanno la volontà è il coraggio di osare. Con un team affiatato, Matteo Metullio sovraintende il ristorante gourmet Harry’s Piccolo ma anche l’Harry’s Bistrò.

“Da triestino -ha scritto nel libro d’oro del Comune Matteo Metullio – oggi per me è una giornata emozionante. Le cose belle della vita sono sempre le più semplici. W Trieste e grazie al sidaco Dipiazza per avermi consegnato questo sigillo”.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...