Savona, riapre il Teatro Chiabrera: al via la stagione Primavera 2021

Savona, la stagione 2020-21 del Teatro Chiabrera si è interrotta il 23 febbraio 2020. Con la riapertura dei teatri, l’Amministrazione Comunale ha voluto programmare una breve ma significativa rassegna che vuole essere un messaggio di ripresa verso la “normalità” e fornire un sostegno al settore che è stato duramente colpito dalla pandemia.

“La rassegna, più volte riprogrammata a causa dei cambiamenti imposti dall’emergenza sanitaria, contiene un assaggio di prosa, musica e balletto in attesa della prossima stagione che, auspichiamo possa tornare nella sua completezza per soddisfare il pubblico. Desidero ringraziare il già direttore Roberto Bosi per la dedizione e la competenza con cui ha composto questa non facile stagione. Ringrazio inoltre l’assessore Rodino e la dirigente Sperati per aver contribuito alla realizzazione della rassegna e a permetterne lo svolgimento in piena sicurezza” commenta Ilaria Caprioglio, Sindaco di Savona.

E’ parso corretto riproporre, quando possibile, gli spettacoli cancellati e che avevano già avuto riscontro di pubblico. Per questo la rassegna inizia il 14 maggio con “Raffaello” di Vittorio Sgarbi, (dopo Caravaggio e Leonardo delle scorse stagioni) pensato, a suo tempo, per il quinto centenario della morte dell’artista urbinate, prosegue il 22 maggio con il concerto del grande duo pianistico Bruno Canino e Antonio Ballista dedicato alla Sinfonia n. 9 di Beethoven, di cui ricorrevano nel 2020 i 250 anni dalla nascita, trascritta per due pianoforti da Franz Liszt e recupera il 26 maggio “La vie en rose…Boléro” del Balletto di Milano, un lavoro ironico e nostalgico, gioioso, emozionante, sulle più belle canzoni francesi da Charles Aznavour a Jacques Brel, da Edith Piaf a Yves Montand coreografate da Adriana Mortelliti unitamente al celeberrimo lavoro di Maurice Ravel. Altri spettacoli, ora non disponibili, potranno essere recuperati, se lo si vorrà, nella prossima stagione invernale. Il 31 maggio “La vita davanti a sé”, dal romanzo di Romain Gary con Silvio Orlando ed un quartetto di musicisti, è praticamente un debutto nazionale in quanto è stato presentato la scorsa estate all’aperto a Napoli Festival per una sola replica con un ridotto numero di presenze. Dopo Savona andrà a Torino e proseguirà ad ottobre la sua tournée autunnale. Silvio Orlando ci conduce dentro le pagine del libro con la leggerezza e l’ironia di Momò, bimbo arabo di dieci anni che vive nel quartiere multietnico di Belleville nella pensione di Madame Rosa, anziana ex prostituta ebrea che ora sbarca il lunario prendendosi cura degli “incidenti sul lavoro” delle colleghe più giovani. Un romanzo commuovente e ancora attualissimo in cui Gary ha anticipato senza facili ideologie e sbrigative soluzioni il tema dei temi contemporaneo e cioè la convivenza tra culture, religioni e stili di vita diversi. Tocca a Glauco Mauri, decano del teatro italiano, insieme all’inseparabile Roberto Sturno e ad un trio di musicisti, condurci l’8 giugno in un suo personale viaggio dentro le parole di William Shakespeare, “Il canto dell’usignolo”, dal ferrigno Macbeth allo stupore doloroso di Riccardo II, dagli amorosi “Sonetti” alla magia finale di Prospero.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Gli spettacoli avranno una durata media di 90 minuti senza intervallo e si svolgeranno nel pieno rispetto di tutti i protocolli di sicurezza previsti. L’orario d’inizio, almeno per il momento, è fissato tra le 19 e le 19.30 così da poter consentire il rientro nelle proprie abitazioni entro l’orario consentito dal coprifuoco.
Allo scopo di consentire la più ampia partecipazione di pubblico, l’Amministrazione Comunale ha stabilito un costo unico di 15 euro. Sarà possibile utilizzare i voucher emessi la scorsa estate per gli spettacoli cancellati.

Tutte le informazioni sul sito del teatro Chiabrera, o scrivendo a
[email protected] oppure telefonando a 019820409 in orario 10-12/16-18.30.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...