fbpx

San Vito dei Normanni (Brindisi): i carabinieri incontrano gli studenti per affrontare il tema delle sostanze stupefacenti tra i giovani.

L’incontro svolto nell'ambito dei seminari formativi per la diffusione della cultura della legalità.

San Vito dei Normanni (Brindisi): i carabinieri incontrano gli studenti per affrontare il tema delle sostanze stupefacenti tra i giovani.

Nei giorni scorsi i Carabinieri della Compagnia di San Vito dei Normanni, nell’ambito dei seminari formativi per la diffusione della cultura della legalità, hanno incontrato un gruppo di studenti del I Istituto Comprensivo di San Vito dei Normanni. All’incontro hanno partecipato 60 studenti delle classi terze della Scuola Secondaria di Primo Grado “Don Vincenzo Meo” e il corpo docenti. Dibattito costruttivo, in cui sono stati affrontati alcuni temi delicati come la diffusione di sostanze stupefacenti tra i giovani, i rischi per la salute che ne derivano e le relative conseguenze di natura amministrativa e penale, il fenomeno del bullismo nelle sue diverse forme (fisico, verbale e online), nonché il tema relativo alla violenza di genere, vista la recrudescenza dei casi di femminicidio registrati nelle ultime settimane.

Particolarmente attiva la partecipazione degli studenti che hanno posto numerose domande e rappresentato alcuni dubbi all’Ufficiale. L’incontro ha coinvolto i ragazzi con i quali è stato instaurato un confronto costruttivo, stuzzicandone la curiosità e affrontando questi delicati argomenti con un approccio diretto in cui, oltre ai riferimenti normativi, sono stati esposti casi pratici, esperienze personali e considerazioni. L‘incontro è inserito in una più ampia calendarizzazione di appuntamenti che vedono l’Arma dei Carabinieri operare vicina ai giovani e giovanissimi studenti con l’obiettivo di accrescere il senso civico e la fiducia verso le Istituzioni.

San Vito dei Normanni (Brindisi): i carabinieri incontrano gli studenti per affrontare il tema delle sostanze stupefacenti tra i giovani.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×