Pavia, il 23 agosto Tito Bergamaschi e Alberto Chawalkiewicz per “Dialoghi in Musica”

L'appuntamento è alle 21.30 al Castello Visconteo

Pavia, il quarto concerto della serie Dialoghi in Musica, a cura del Comune di Pavia e dell’Associazione Culturale Giorgio Radicula, si terrà lunedì 23 agosto alle ore 21.30 presso il cortile del Castello Visconteo di Pavia per la rassegna “La città come palcoscenico”.

Protagonisti della serata saranno due giovanissimi interpreti: Tito Bergamaschi, flautista e Alberto Chawalkiewicz, pianista, presidente dell’Associazione Giorgio Radicula.

Tito Bergamaschi è nato nel 1997. Ha frequentato il Liceo Musicale “A. Cairoli” di Pavia sotto la guida di Claudio Ghiazzi. Ha fatto parte dell’orchestra “I Piccoli Pomeriggi Musicali” di Milano e della “Orchestra Giovanile della Lombardia”. Ha vinto il primo premio assoluto nel Terzo Concorso Nazionale Musicale Città di Scandicci e la quarta edizione del Concorso Musicale 7 Note Romane, sezione musica da camera come solista. Attualmente è allievo del M° M. Scappini al Conservatorio “L. Marenzio” di Brescia e del M° D. Formisano all’Accademia di Alto Perfezionamento di Biella.

Alberto Chawalkiewicz ha iniziato gli studi pianistici sotto la guida di Gabriel Mengher per poi iscriversi al liceo musicale A. Cairoli di Pavia sotto la guida della professoressa Isabella Caruso e quelli di flauto traverso sotto la guida del maestro Claudio Ghiazzi. Si è esibito presso: L’Aula Magna del collegio Ghislieri, Teatro Fraschini di Pavia, Castello Visconteo di Pavia, Castello Sforzesco di Vigevano, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Sala della Nuova Scuola di Musica di Cantù, Palazzo Te di Mantova, in Svizzera a Bellinzona. Ha ottenuto riconoscimenti in concorsi nazionali ed internazionali, tra i quali il primo premio assoluto al concorso nazionale di Scandicci. Dal 2014 fino ad oggi segue Masterclass con la pianista russa Hanna Shybayeva. Attualmente sta frequentando il Biennio Accademico presso il conservatorio G. Nicolini di Piacenza sotto la guida del prof A. Tarallo.

Il programma del duo comprende opere di Ravel, Taffanel, Kuhlau, Morricone oltre ad alcune pagine pianistiche di Renato De Grandis e Debussy.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...