fbpx
CAMBIA LINGUA

Musica e legalità a Santa Severa con la Fanfara della Polizia

La serata è stata impreziosita dalla presenza di Tony Renis, che ha voluto salutare il pubblico accennando la sua famosissima "Quando quando quando"

Musica e legalità a Santa Severa con la Fanfara della Polizia.

Si è tenuto ieri, 12 agosto, nell’incantevole cornice di piazza lungomare  Pyrgi di Santa Severa, il tradizionale concerto di mezza estate della Fanfara della Polizia di Stato, diretto dal maestro Massimiliano Profili.

Sul lungomare è stato possibile ammirare le auto storiche della Polizia di Stato in esposizione, modelli rari che hanno fatto la storia e il costume della Polizia e dell’Italia.

La Fanfara della Polizia, composta da cinquanta musicisti-poliziotto, nasce per accompagnare le sfilate e le cerimonie ufficiali della Polizia di Stato e, nel corso del tempo, ha ampliato i suoi settori di intervento partecipando a eventi culturali a scopo benefico di rilievo nazionale e internazionale.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

fanfara

Ricco il repertorio della serata, da uno splendido medley dei più famosi brani di Modugno alle canzoni di Battisti, dall’interpretazione di “Con te partirò” da parte del tenore Francesco Grollo alle hits estive suonate sempre dalla Fanfara della Polizia di Stato: “Mon Amour di Annalisa e “Disco Paradise”  di Fedez.

La serata è stata impreziosita dalla presenza di Tony Renis, che ha voluto salutare il pubblico accennando la sua famosissima “Quando quando quando”.

Il concerto si è concluso  con l’esecuzione dell’Inno Nazionale “Il Canto degli Italiani” di Michele Novaro e Goffredo Mameli, cantato dal tenore Grollo.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×