Bologna, capodanno in Piazza Maggiore con il tradizionale rogo del Vecchione

Anche un dj set e il “discorso d’artista" di Alessandro Bergonzoni

Bologna, capodanno in Piazza Maggiore con il tradizionale rogo del Vecchione.

Torna a bruciare a mezzanotte, sul Crescentone di Piazza Maggiore, a Bologna, il Vecchione d’artista che quest’anno si intitola “Vecchio come una torre”, su progetto del collettivo Parasite 2.0 selezionato con un concorso nel 2021 e realizzato da Officine Contesto dello scenografo Alan Zinchi.

La serata del 31 dicembre comincerà intorno alle 22 con la musica di Laura Gramuglia e il suo Rocket Girl on Vinyl, una programmazione musicale tutta al femminile con musica composta, suonata e prodotta da sole donne.

Alle 23, sarà la volta della prima edizione del discorso d’artista di Capodanno, un momento di riflessione sull’anno trascorso e sul futuro realizzato da Alessandro Bergonzoni, che raggiungerà anche chi non potrà essere in Piazza Maggiore e sarà disponibile sul sito del Comune di Bologna.

Il discorso, pensato per essere ascoltato anche all’interno di luoghi di cura, di cultura, di reclusione e spazi di comunità, sarà poi diffuso dalle realtà che hanno aderito al progetto, tra cui Casa Circondariale Dozza, Casa dei Risvegli Luca de Nigris, Radioimmaginaria, Consorzio Blu cooperativa sociale e alcune residenze per anziani del territorio.

Seguiranno le PopPen djs, Brunella di Montalcino & Marina di Ravenna, con una selezione musicale che copre tutto l’immaginario pop degli ultimi cinquant’anni. Dopo il rogo del Vecchione, di nuovo musica fino all’1.30 del primo gennaio 2023.

vecchione

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...