Milano, Stabat Mater. Senza pregiudizio. Dove il cinema si fa riscatto

Teatro Franco Parenti Milano – Electra Teatro in collaborazione con la Rete dei Diritti Milano.

Milano, Stabat Mater. Senza pregiudizio. Dove il cinema si fa riscatto.

Lunedi 17 ottobre 2022 alle ore 21:00, Electra Teatro Pistoia in collaborazione con la Rete dei Diritti di Milano presso la Sala A del Teatro Franco Parenti, Via Pier Lombardo, 14 Milano, si terranno la proiezione del cortometraggio Stabat Mater, girato dal regista Giuseppe Tesi con gli attori Melania Giglio e Giuseppe Sartori e con la partecipazione dei detenuti della Casa Circondariale “Santa Caterina” di Pistoia, e la presentazione del volume Senza pregiudizio. Dove il cinema si fa riscatto (Edizioni Metilene 2021),ispirato al percorso cinematografico affrontato all’interno della struttura carceraria e sostenuto dall’associazione Farcom Pistoia. Il volume-documento ripercorre la genesi di questa produzione cinematografica, a partire dall’approccio con gli stessi detenuti, ai quali in prima battuta sono state sottoposte tutta una seria di domande utili a “scavare, con discrezione, un profilo privato e che in qualche modo coincideva, in prospettiva emozionale, con la storia di una Madre colta nel momento in cui pare non esserci possibilità alcuna per intervenire”. Ogni vita porta con sé un lutto, dove “lutto” non è solo cessazione fisica e biologica dell’esistenza, ma è anche un’idea privata di morte, quella che ti sfiora quando ti piacerebbe avere una famiglia che ti ama e non ce l’hai, quando un padre violento scarica su di te, bambino, la sua rabbia, quando alla fine le giravolte imprevedibili della vita ti confinano dietro le sbarre, in un buco di disperazione ancora più grande. Perché alla fine “la carcerazione” è il vero lutto”.

Terminata la visione del cortometraggio, si avvicenderanno le voci dei relatori preceduti dal video introduttivo di Maurizio Porro. Intervengono Giovanna di Rosa, Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Milano, il Prof. Francesco Perrini e Giuseppe Tesi, regista Electra Teatro.

“Stabat Mater di Electra Teatro arriva intenso, diretto. Il racconto si sviluppa in maniera ritmica, ma non lineare. Sono sussulti emotivi che sottendono all’antomasia del vero” (Gennaro Scala – Corriere della Sera). “Un breve film fatto con misura, passione, candore e sensibilità. Stili e richiami, pudore, alla Pier Paolo Pasolini. Versi e musiche poetiche. Intenzione di comunicare. Un documento fatto con simpatia e dolore, sofferenza e sguardi spaventati, sensibili” (Italo Moscati).

“La misericordia si cala sulle spoglie mortali vestendo di polvere quel corpo nudo, intatto nella sua bellezza, impeto straziante di infinito, anelito di ristoro di una dignità privata e mutilata. L’umanità tutta è ferita ma mai sconfitta. Torna a esprimersi scomposta e imperiosa e invoca, pretende attenzione. Si fa canto e danza, richiesta di aiuto, preghiera, inno alla speranza, attesa di futuro”. (Avv. Maria Brucale, membro del direttivo di Nessuno Tocchi Caino).

Milano, Stabat Mater. Senza pregiudizio. Dove il cinema si fa riscatto.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...