Milano, “Il posto giusto” per la prevenzione dalle dipendenze

Oltre 300 studenti delle scuole superiori del capoluogo lombardo assisteranno allo spettacolo di prevenzione inserito nella campagna WeCare 4.0 del Dipartimento Politiche Antidroga

Milano, “Il posto giusto” per la prevenzione dalle dipendenze.

Ogni ragazzo e ogni ragazza nella fase della crescita è alla ricerca del proprio posto nel mondo. Eppure a volte, trovarlo, non è così immediato, non è così scontato. Perché a volte possono mancare le basi, o perché, pur essendoci, non vengono a supporto nei momenti delle scelte. Da queste riflessioni nasce il format ‘Il Posto Giusto’, in scena martedì 24 gennaio al Piccolo Teatro di Milano, che racconta la storia Verena, arrivata in comunità da minore con alle spalle già una vita costellata di passi falsi, difficili da recuperare da sola a 15 anni. Dal palco racconterà la sua storia prima e dopo la comunità, condividendo emozioni, pensieri, sogni e paure e soprattutto la fatica fatta per riappropriarsi della sua vita, il cammino che ha dovuto percorrere per trovare, alla fine il suo posto, il posto giusto. Musiche, letteratura, informazioni scientifiche e racconti si intrecciano, sapientemente condotte dal palco dal regista Pascal La Delfa, che accompagna la protagonista in questo viaggio. Ad assistere in platea a Milano ci saranno gli studenti dell’istituto professionale “Kandinsky”, del liceo “Stendhal” e dell’istituto tecnico “Lagrange”.

“Il Posto Giusto” è il format teatrale che San Patrignano mette in campo per l’anno scolastico 2022/2023 con l’obiettivo di fornire agli studenti spunti di riflessione e prospettive differenti sulla loro giovane età, e di supportare docenti, genitori ed educatori offrendo nuove angolazioni da cui poter osservare il fenomeno del disagio giovanile e delle dipendenze. “I format teatrali di prevenzione ideati e realizzati dal gruppo WeFree della comunità tracciano un percorso narrativo che esplora l’esistenza del protagonista a 360° – spiega Silvia Mengoli, fra le responsabili del progetto di prevenzione di San Patrignano – Poniamo grande attenzione all’affettività e alle relazioni, con focus particolare sulle dinamiche dell’età adolescenziale che spesso portano a fare scelte che influenzeranno il percorso di crescita”.

L’incontro rientra nella grande campagna WeCare 4.0 per la prevenzione del disagio giovanile e delle dipendenze finanziata dal Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio dei Ministri per contrastare la crescente diffusione di sostanze stupefacenti tra gli adolescenti in età sempre più precoce. Un progetto che in due anni raggiungerà in totale 20mila studenti di scuole medie e superiori che si fonda sulla peer-to-peer-education per entrare maggiormente in sintonia con i ragazzi tra i 12 e i 19 anni, aprendo un canale emotivo attraverso le testimonianze di loro pari che hanno compiuto il percorso di recupero in comunità e che li condurranno a riflettere sui rischi legati al consumo di droghe e sulle cause e sulle conseguenze della tossicodipendenza, aiutandoli a formulare un pensiero informato e critico su questi temi, libero da pregiudizi e condizionamenti.

Milano, “Il posto giusto” per la prevenzione dalle dipendenze.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...