Milano, all’Acquario civico la prima seduta dell’assemblea dei cittadini sul Clima

3 dicembre

Milano, all’Acquario civico la prima seduta dell’assemblea dei cittadini sul Clima.

Si è svolta sabato 3 dicembre, presso l’Acquario civico di Milano in viale Gadio, la prima seduta dell’Assemblea Permanente dei cittadini sul Clima, l’organismo di partecipazione civica nato per dare voce alle persone residenti in città sulle attività inerenti la lotta al cambiamento climatico, la qualità dell’aria e la transizione ecologica.
A portare il saluto dell’Amministrazione l’assessora all’Ambiente e Verde Elena Grandi con l’assessora ai Servizi Civici e Partecipazione Gaia Romani.

La creazione dell’assembla permanente replica quanto già realizzato in molte altre città europee e del mondo per costituire analoghi organi sui medesimi temi, si basa sull’idea che gruppi di cittadini e cittadine adeguatamente informati e formati possano contribuire a prendere decisioni importanti e significative per la propria comunità e per il proprio territorio.

A ritrovarsi nella sala congressi dell’Acquario, sono stati i primi quarantacinque tra cittadini e cittadine milanesi coinvolti nel progetto. A pieno regime l’assemblea conterà 90 componenti effettivi (il secondo gruppo si riunirà il prossimo mese di marzo 2023). Tutti i membri dell’assemblea sono stati selezionati con criteri di rappresentatività fra
coloro che hanno risposto positivamente all’invito del Comune, mandato a inizio novembre a diecimila residenti estratti a sorte dall’Ufficio Statistica. L’Assemblea Permanente dei Cittadini sul Clima si riunirà in maniera plenaria ogni due mesi.

Affrontare con coraggio, responsabilità e determinazione l’emergenza climatica è un impegno primario per Milano, non solo come Comune, ma soprattutto come comunità – dichiara l’assessora Grandi – Rendere tutti parte attiva del percorso è fondamentale ed è per questo che abbiamo voluto creare l’Assemblea Permanente dei Cittadini sul Clima, uno strumento di partecipazione che consente a cittadine e cittadini sorteggiati in rappresentanza di tutte le componenti della città di contribuire al cambiamento necessario. Ci auguriamo davvero che tutti coloro che via via verranno coinvolti colgano questa occasione per costruire insieme una Milano più sostenibile e inclusiva“.

I processi partecipativi – afferma l’assessora Romanioggi possono incarnare una sfida importante, che è quella di ridurre le distanze fra le istituzioni e la cittadinanza. Ecco perché ritengo che l’Assemblea Permanente sul Clima sia uno straordinario e utile strumento, non solo per interpellare le cittadine e i cittadini, ma anche per ingaggiarli, chiedendo loro di essere
protagonisti su una questione così dirimente come quella del clima e delle azioni da mettere in campo nella lotta ai cambiamenti climatici. Innovare i processi partecipativi con metodi nuovi ci rende meno lontani dalle persone ma soprattutto ci dà l’opportunità di essere più credibili e incisivi nella costruzione di una città davvero partecipata, basata su modelli di governance inclusivi“.

Negli ultimi anni Milano ha intrapreso un ampio e diversificato percorso verso la decarbonizzazione e il miglioramento della qualità dell’aria, che necessita del contributo di tutti gli attori della città e della promozione di stili di vita più sostenibili.

L’insieme delle attività poste in essere dell’Amministrazione per favorire il coinvolgimento di cittadini, organizzazioni e imprese presenti sul territorio assume il nome di ‘Milano Cambia Aria’, iniziativa presentata ufficialmente lo scorso 1° ottobre in Cascina Cuccagna in occasione del Forum Ambiente e della Green Week.

Milano, all'Acquario civico la prima seduta dell'assemblea dei cittadini sul Clima

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...