Milano, al via il “TrovaFestival” all’acquario civico

Sono sempre più numerosi gli eventi culturali che si proclamano “green” e “ecologici”. La sostenibilità ambientale è un'esigenza condivisa anche dal pubblico e dagli amministratori.

Milano, al via il “TrovaFestival” all’acquario civico.

Le tematiche della sostenibilità sono sempre più centrali nei criteri di valutazione dei progetti culturali, a livello europeo e anche nel nostro paese. Tuttavia, sono ancora poco diffusi gli strumenti per valutare l’effettivo impatto degli eventi e le metodologie per ridurlo.

Per discutere di queste tematiche urgenti e offrire una serie di indicazioni pratiche, grazie anche al contributo di diverse aziende e associazioni, l’Associazione Culturale TrovaFestival, in collaborazione con lo studio BBS-Lombard, studio specializzato in economia della cultura, particolarmente attento alle tematiche della sostenibilità ambientale e sociale, con il patrocinio del Comune di Milano, propongono la seconda edizione di TrovaFestival Day, una giornata di approfondimento dedicata agli organizzatori, ai direttori e agli appassionati di festival. Tema dell’edizione 2022 è il rapporto tra cultura e green, con particolare attenzione al mondo dei festival e degli eventi culturali.

Dopo la prima edizione del 2021, il TrovaFestival Day si terrà il 1° dicembre 2022, dalle 10.00 alle 17.00, all’Acquario Civico e Stazione Idrobiologica di Milano (viale Gadio 2, Milano) per approfondire la relazione che lega gli eventi culturali all’ambiente e alla sostenibilità: che cosa significa oggi per un festival “essere sostenibile”? quali obiettivi vanno perseguiti? quali pratiche devono essere adottate? nuove tecnologie e nuovi materiali possono aiutarci a ridurre l’impatto ambientale? questa nuova sensibilità ha un impatto nella produzione della manifestazione dei singoli eventi?

La giornata (in presenza) sarà presso l’Acquario Civico e Stazione Idrobiologica di Milano (viale Gadio 2, Milano) e sarà strutturata in due momenti:

  • 00 – 12.30: un incontro frontale dove i partner del progetto (aziende e associazioni che hanno l’obiettivo di ridurre l’impatto ambientale degli eventi) si presentano e raccontano le loro pratiche;
  • 30 – 17:00: un laboratorio, in cui i festival chiamati a partecipare e i partner sono invitati a collaborare attivamente per la realizzazione di documento da condividere pubblicamente con indicazioni e benchmark per chi vuole operare responsabilmente nel settore.

All’iniziativa parteciperanno diversi esperti, manifestazioni di livello nazionale e aziende che operano nel settore con particolare attenzione alla sostenibilità e all’economia circolare. Al momento hanno confermato la loro presenza: AIGU Associazione Italiana Giovani per l’UNESCO; Avanzi; Fondazione Eos – Edison Orizzonte Sociale; Fridays For Future; Raffles Milano | Istituto Moda e Design; Tondo aps. Con gli interventi di Stefana Broadbent, Professoressa Associata al Politecnico di Milano presso il Dipartimento di Design, e Matteo Spini, dottorando in sociologia all’Università degli Studi Milano-Bicocca.

Media partner dell’iniziativa Altreconomia e Ateatro.

Oltre che con Raffles Milano, sono attive partnership che coinvolgeranno nell’iniziativa alcuni studenti dell’Università Cattolica di Milano e dell’Università Statale di Milano.

In occasione della giornata, verrà presentato il nuovo numero della rivista ÆS Arts+Economics curata d a Franco Broccardi e Silvia Barrilà che porterà la testimonianza su questi temi di professionisti e operatori come Formafantasma, Festivaletteratura di Mantova e GCC-Gallery Climate Coalition.

A seguire, dalle 18.00 presso la sede dello studio BBS-Lombard in viale Premuda 46 a Milano verrà inaugurata la mostra Recovering Values in collaborazione con la galleria aA29 Project Room, che avrà come protagonista le opere di due artiste/attiviste ambientali, Isabella Pers e Nada Prlja.

Per info: [email protected]

Milano, al via il “TrovaFestival” all’acquario civico

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...