Livorno, negli spazi affissioni la mostra fotografica a cielo aperto “Livorno dal Vivo”

Livorno, una mostra fotografica a cielo aperto che riassume Livorno dal Vivo, rassegna che ha visto durante i mesi scorsi 21 brevissimi spettacoli in 21 luoghi diversi di Livorno, con il coinvolgimento di 7 attori, 7 ballerini e 7 musicisti.

Attraverso la fotografia, l’intenzione è di porre l’attenzione sugli addetti ai lavori di uno dei settori più colpiti dalla crisi pandemica, quello culturale. L’idea è stata quella di realizzare 21 performances concentrate in una mostra fotografica a cielo aperto, grazie agli spazi dedicati alle affissioni della città, solitamente dedicati alla promozione di eventi che fino al mese di Maggio 2021 sono rimasti vuoti. Un’esperienza condivisa quindi, con immagini che possano risvegliare nel pubblico il ricordo di quella meravigliosa sensazione di sentirsi parte integrante di qualcosa, col desiderio di ritornare a vivere e a esibirsi gli uni accanto agli altri.
Ecco quindi che si apre l’idea del mondo come palcoscenico, in luoghi privi di qualsiasi riferimento o identificazione culturale, favorendone maggiormente il contrasto legato al contesto, in una Livorno che diventa spazio protesico nel quale esibirsi, distanti ma pur sempre vicini e legati dalla medesima passione che ci aiutava prima a riconoscerci: l’amore per l’arte.

Il progetto
Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Per recuperare i 21 grammi, ipotetico peso dell’anima, che le arti dello spettacolo hanno perduto durante questo lungo periodo di inattività, “Livorno dal Vivo” mette in scena una serie di performances artistiche a sorpresa. 21 brevissimi spettacoli che hanno visto coinvolti 7 attori, 7 ballerini e 7 musicisti che si sono esibiti in 21 luoghi diversi di Livorno. Le location sono state scelte tra le cinque circoscrizioni della città, tra il centro storico e la periferia, con una predilezione per quei luoghi meno conosciuti e di passaggio dove l’identificazione culturale è meno forte. Teatro, danza e musica sono i settori coinvolti per celebrare l’Arte, e non a caso. Durante l’anno pandemico infatti sono state le arti performative a soffrire più di tutte la crisi, in quanto il contatto con il pubblico e la vicinanza ne sono un elemento imprescindibile. La data e il luogo delle performance non sono state rese pubbliche, sia per giocare sull’effetto sorpresa nei passanti, che per evitare assembramenti. “Le città invisibili” di Calvino hanno accompagnato il nostro progetto, come un filo rosso lungo tutto il percorso: una pagina per ogni luogo, un breve periodo per ogni performance.

Gli artisti

Gli attori sono stati scelti tra le associazioni firmatarie del Tavolo Teatri del Comune di Livorno (Centro Artistico «Il Grattacielo», Centro Culturale Vertigo, Compagnia Orto degli Ananassi del Teatro della Brigata, la Compagnia degli Onesti del Teatro 4 Mori, il Teatro agricolo, il Nuovo Teatro delle Commedie) e naturalmente il Teatro Goldoni. Il gruppo dei ballerini è stato invece
formato da Elena Zagaroli, co-organizzatrice del progetto, alcuni membri dell’Atelier delle Arti di Chelo Zoppi, e delle Scuole di Danza AreaDanza e ArteDanza, oltre ad alcuni freelance. I musicisti che hanno partecipato, come singoli o band, fanno parte dell’Associazione MusicArte e di Percorsi Musicali, oltre ad alcuni freelance.
Il progetto è stato pensato da Giulia Barini, fotografa livornese e curatrice di mostre collaterali di molti eventi dell’associazionismo culturale locale, nonché fotografa ufficiale delle Giornate degli Autori della Mostra del Cinema di Venezia.

Affissioni

Quasi a tre mesi dalla sua realizzazione, il progetto si trasforma in manifesto. Dal 29 Luglio, la carta stampata vede finalmente il Viale Italia, Antignano, la Villa Fabbricotti e soprattutto i quartieri periferici, quelli che più di ogni altro sono diventati palcoscenico per Livorno dal Vivo, quelli che anche se non c’è la bellavista, un teatro o la statua di qualcuno di importante, ci sono sempre coloro che li vivono. Noi quindi, i figli e le figlie del quartiere.

Partner e ringraziamenti

La disponibilità e la presa in carico da parte dello sponsor tecnico Nobili Pubblicità e dell’Ufficio Affissioni del Comune di Livorno hanno garantito la mostra fotografica a cielo aperto di questo lavoro. Per questo un ringraziamento particolare va a Paolo e Stefano.
L’appoggio della Fondazione Teatro Goldoni e del Comune di Livorno, a partire dall’Ufficio Stampa gestito da tutta la gentilezza e professionalità di Ursula Galli e dei suoi collaboratori, fino alla fiducia riposta in me dall’Assessore Simone Lenzi, senza la quale probabilmente non sarei qui adesso a presentare questo progetto. Grazie.
I performer e le scuole di danza, musica e teatro che hanno prestato la loro voce, il loro corpo, i loro strumenti e il loro talento a questa iniziativa, diventandone protagonisti imprescindibili. Con loro la città di Livorno che non si tira mai indietro quando si tratta di mostrarsi nel segno della cultura e dell’amore per l’arte.
Ultimi ma non meno importanti i miei collaboratori, preziosi, meravigliosi, giovani e pieni di energia e di talento: Elena Zagaroli, Lorenzo Pari, Francesco Celentano, Marco Quilici, Martina Masoni, Simone Ghiani e la preziosa collaborazione di Erika Baggiani.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...