fbpx
CAMBIA LINGUA

Liberazione di Ancona: martedì 18 luglio le cerimonie di commemorazione dell’anniversario. Presente l’ambasciatrice della Polonia

Il sindaco Silvetti: "un prezioso atto di amicizia tra due popoli all'insegna dei valori della libertà e della democrazia".

Liberazione di Ancona: martedì 18 luglio le cerimonie di commemorazione dell’anniversario. Presente l’ambasciatrice della Polonia.

Si sono svolte nella mattinata di martedì 18 luglio le cerimonie di commemorazione del 79° anniversario della Liberazione di Ancona, alle quali hanno partecipato le autorità civili, religiose e militari con la presenza dell’ambasciatrice della Repubblica di Polonia Anna Maria Anders, figlia del generale Wladyslaw Anders, che, guidando il II° corpo di armata polacco, liberò nel 1944 la città di Ancona. Presenti anche il Console onorario della Repubblica di Polonia ad Ancona Cristina Gorajski, l’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia, le Associazioni combattentistiche, partigiane e le Associazioni d’Arma, l’Associazione nazionale combattenti della guerra di liberazione.

Liberazione di Ancona: martedì 18 luglio le cerimonie di commemorazione dell’anniversario. Presente l’ambasciatrice della Polonia

La cerimonia si è aperta a Porta Santo Stefano (preceduta dagli inni delle due nazioni eseguiti dalla Banda di Torrette, diretta dal maestro Mattia Zepponi) con le parole del sindaco di Ancona, Daniele Silvetti che ha ricordato lo stretto legame tra la città e la Polonia, che proprio per le celebrazioni dello scorso anno donò alla città il Monumento commemorativo del Reggimento Lancieri dei Carpazi. “Questa celebrazione – ha detto il primo cittadino – attesta ancora una volta non solo un atto di memoria, ma anche un prezioso atto di amicizia tra due popoli che si rinnova ormai da anni, all’insegna dei valori della libertà e della democrazia, che sono valori universali, conquistati con il sacrificio di tutti coloro che hanno dato la propria a vita per la liberazione dal nazifascismo”.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

L’ambasciatrice della Repubblica di Polonia Anna Maria Anders nel salutare gli intervenuti ha sottolineato come da quel 18 luglio di 79 anni fa sia divenuto sempre più forte il rapporto tra Ancona e la Polonia e di come gli italiani e i polacchi siano ancora oggi impegnati per la democrazia in un’Europa che ancora oggi deve affrontare la drammaticità della guerra alle sue porte, come il conflitto in Ucraina.

Nel suo intervento Dino Spanghero, coordinatore dell’Associazione nazionale Partigiani d’Italia per il Nord-Est e membro del Comitato nazionale ANPI, ha sottolineato come essere antifascisti oggi non sia anacronistico e che l’antifascismo deve essere riempito di nuovi valori, insegnando ai giovani un forte impegno civile, che è impegno per il miglioramento della qualità della vita. A seguire l’arcivescovo di Ancona-Osimo monsignor Angelo Spina ha benedetto le corone di alloro deposte a memoria dei caduti sotto la lapide che a Porta Santo Stefano ricorda la liberazione della città. Infine, le autorità hanno raggiunto il parco del Pincio, dove al Monumento alla Resistenza di Pericle Fazzini hanno rinnovato l’omaggio ai caduti con corone di alloro a cura dell’Associazione nazionale Partigiani d’Italia, dal Comune di Ancona e dall’Ambasciata polacca.

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×