Lecco, un percorso alla scoperta dei resti e dei sotterranei del castello.

Sabato 19 novembre l'evento organizzato dalla delegazione FAI insieme alla collaborazione del Comune di Lecco

Lecco, un percorso alla scoperta dei resti e dei sotterranei del castello.

Le rovine del castello in riva al lago, costruito nella prima metà del Trecento da Azzone Visconti e potenziato poi, anche attraverso postazioni cannoniere, dagli Sforza tra la fine del Quattrocento e il secolo successivo, sono conservate e celate a Lecco.

Qui il castello era, al tempo de “I promessi sposi” (1628-1630), sotto il dominio spagnolo, come citato nella prima pagina del romanzo.

Sarà sabato 19 novembre l’evento organizzato dalla delegazione FAI, Fondo Ambiente Italiano, di Lecco in collaborazione con il Comune di Lecco: un cammino turistico che permette di osservare luoghi sotterranei, attraverso la galleria collocata al di sotto delle mura, a partire dalla Biblioteca civica di via Bovara, fino alla base del campanile di San Nicolò.

La visita porterà anche in cima alla Torre Viscontea, permettendo ai partecipanti di conoscere luoghi comunemente non accessibili al pubblico.

Due sono le visite guidate previste, dalla durata di due ore ciascuna, con gruppi di visitatori di 26 persone. L’appuntamento sarà nel cortile della Biblioteca civica alle ore 10 di sabato 19 novembre per il primo gruppo; l’eventuale secondo gruppo si ritroverà alle ore 10.30.

È necessaria la prenotazione, effettuabile presso la biglietteria di Villa Manzoni oppure telefonando allo 0341 481108.

Lecco, un percorso alla scoperta dei resti e dei sotterranei del castello.

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...