fbpx
CAMBIA LINGUA

Il Museo Regionale di Messina apre al pubblico la mostra permanente “1908CittàMuseoCittà”

Il 28 Novembre 2023

Il Museo Regionale di Messina apre al pubblico la mostra permanente “1908CittàMuseoCittà”

Il Direttore Micali: “Questo allestimento darà l’opportunità alla comunità di riflettere su sé stessa”. Gli assessori regionali Amata e Scarpinato, insieme all’on. Antonio De Luca, sabato 18 novembre alle 10.30 incontreranno la stampa. Saranno esposti reperti recuperati dopo il sisma e, grazie alla realtà virtuale immersiva, sarà possibile “viaggiare” all’interno della città che non c’è più.

Messina, 16 novembre – Un allestimento emozionante, coinvolgente e che ha come obiettivo quello di dare ai messinesi un senso di appartenenza chiaro, “perché la conoscenza è lo strumento principale per la comprensione della propria identità”. Con queste parole, Orazio Micali, Direttore del Museo Regionale Accascina di Messina, annuncia la nascita della mostra “1908 CittàMuseoCittà”, che sarà aperta al pubblico da martedì 28 novembre.

Per questa esposizione permanente, che si svilupperà su una superficie di 1000 metri quadrati, saranno utilizzati gli spazi dell’ex sede del Museo Nazionale (ex Filanda Mellinghoff).

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Un vero e proprio viaggio nella Messina che esisteva prima del tragico sisma del 1908 che ha segnato il destino della Città dello Stretto.

“La nascita di questa mostra rappresenta un’intuizione davvero speciale che parte grazie all’impulso dei parlamentari regionali del territorio e dell’intero Parlamento regionale con l’obiettivo di rafforzare significativamente la memoria e il pregio storico della Città di Messina. Una iniziativa, ne sono certa, che consentirà, non soltanto di coinvolgere la cittadinanza in un viaggio immersivo davvero emozionante, ma costituirà un importante elemento attrattivo di forte impatto per i tanti turisti che vorranno visitare la mostra. Voglio esprimere pieno plauso per questa opportunità data alla Città di Messina e, da concittadina e parlamentare regionale, ne sono particolarmente orgogliosa”, dichiara l’Assessore regionale del Turismo, dello Sport e dello Spettacolo, On. Elvira Amata.

“Vogliamo dare al visitatore l’opportunità di vivere un percorso affascinante e emozionante per entrare in contatto con le memorie reali, fisiche e materiali della città che è scomparsa a seguito del terremoto del 1908. L’obiettivo della mostra è portare a conoscenza, prima di tutto della comunità cittadina odierna e delle varie generazioni più avanti con gli anni e più giovani, della Messina ante terremoto, per avere contezza di ciò che avevano o avrebbero avuto per poi percepire il senso di perdita di tanta bellezza e importanza storica, sentendo il dolore e il dispiacere per un’intera comunità scomparsa in quella tragica alba. Per capire – spiega l’Assessore Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Francesco Paolo Scarpinato – la frattura che ha interrotto quasi tre millenni di storia alla quale è seguita una ripartenza totalmente nuova. Toccare con mano una colonna, un capitello, un marmo per sentirli vibrare e percepire quante mani e quante vite sono dentro quel pezzo di pietra, quel marmo, quel legno. Le generazioni di oggi non devono sentirsi orfane”.

Verranno esposti numerosi reperti recuperati dopo il sisma e le nuove tecnologie avranno un ruolo determinante perché, come spiega il Direttore Micali, “grazie alla realtà virtuale è stata ricostruita la città del 1908, permettendo al visitatore di vivere una realtà immersiva all’interno dell’evento terremoto, per poi confrontarsi con le conseguenze del terremoto stesso”.

“Una mostra offre al visitatore una visione parziale, un punto di vista rispetto a un percorso di ricerca, al racconto di una storia. La mostra che aprirà al pubblico martedì 28 novembre sarà ricca di suggestioni, informazioni, illustrazioni, materiali, documenti, ricostruzioni, visioni e molte opere ma è fuor di dubbio che si tratta solo di un punto di partenza per un percorso da scrivere a quattro mani con l’intera comunità. Vogliamo stimolare la comunità alla ricerca, all’interno delle proprie soffitte e dei loro album più antichi, di documenti e memorie per costruire un enorme database, la cui composizione dipenderà solo ed esclusivamente dalla partecipazione dei messinesi. Bisogna comprendere come era composta questa città. Questo nostro lavoro servirà a dare pace a una grande quantità di persone che sono scomparse senza lasciare nessuna traccia di sé. E’ un momento di raccoglimento e questa mostra darà alla città l’opportunità di riflettere su sé stessa su quello che ha perduto, ma solo dopo aver saputo cosa aveva e da dove origina”, aggiunge il Direttore del Museo di Messina.

“La mostra è realizzata in collaborazione con Capitale Cultura, una delle società più attive nel settore della realtà aumentata, delle ricostruzioni in 3D e delle visite immersive. Gli allestimenti sono curati da Floridia Allestimenti, gli impianti elettrici e speciali sono di Gaetano Previti e la promozione dell’evento è affidata allo studio creativo Sincromie. Le professionalità interne al Museo di Messina che, in lunghi percorsi e ricevendo il testimone dalle precedenti amministrazioni, hanno portato avanti un lavoro di ricerca e conoscenza oggi ci permettono di consegnare alla cittadinanza e al visitatore un nuovo spazio interamente dedicato alla città a cavallo del grande terremoto del 1908”, conclude Orazio Micali.

Sabato 18 novembre alle ore 10.30, l’Assessore Regionale ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana, Francesco Paolo Scarpinato, in occasione di una visita programmata al Museo Regionale di Messina (Viale della Libertà n. 465), incontrerà la stampa.

Saranno anche presenti l’Assessore Regionale al Turismo, Sport e Spettacolo, on. Elvira Amata, l’on. Antonio De Luca e il Direttore del Museo Regionale di Messina, Orazio Micali.

Il Museo Regionale di Messina apre al pubblico la mostra permanente "1908CittàMuseoCittà"

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×