Il corpo nella fotografia contemporanea

145

In occasione del festival «il Tempo delle Donne 2019», Domenica, 15 settembre 2019, ore 17.00 presso la Fondazione Sozzani, Nathalie Herschdorfer, curatrice e storica della fotografia, e la giornalista Cara Ronza
presentano il libro:Il corpo nella fotografia contemporanea, pubblicato da Einaudi Grandi Opere.

«Essere spogliati è essere se stessi, essere nudi è essere visti spogliati, e tuttavia non essere riconosciuti per se stessi». John Berger, Questione di Sguardi, 1972.

Con piú di 360 fotografie, che spaziano dall’arte alla scienza e dalla moda ai selfie, questo libro esplora i nostri infiniti modi di usare, alterare, mostrare e raffigurare il corpo nel XXI secolo.
Nathalie Herschdorfer ha selezionato dopo una lunga ricerca i lavori di fotografi provenienti da diverse culture, Paesi e generazioni, che hanno per oggetto il corpo e i modi di percepirlo, mostrarlo, raffigurarlo oggi.

Il volume, splendidamente illustrato, raccoglie la rappresentazione fotografica del corpo umano vista da oltre 175 fotografi, tra cui Nobuyoshi Araki, Bettina Rheims, Lauren Greenfield, Viviane Sassen, Cindy Sherman, Wolfgang Tillmans, Daido Moriyama, Sally Mann, Pieter Hugo, Juergen Teller, Sølve Sundsbø e Daniel Sannwald. A sostegno dell’ampia gamma di  fotografie è un saggio dello psicologo Professor David Sander, Ph.D., che discute della rappresentazione neurologica dei nostri corpi.
«Ciascuno di essi descrive, compone, distorce, ricostruisce o mette in discussione il corpo», scrive Nathalie, «La tirannia dell’apparenza ha inizio molto presto, in giovanissima età, e viene via via rafforzata dalle immagini che obbediscono agli ideali della società in cui viviamo, attraverso quei corpi
perfettamente fotografati, che ci rendono insicuri del nostro».


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...