FUORI DI MILANO, IL NUOVO MAGAZINE FREEPRESS SENZA PARAGONI

1.394

Bello, nuovo, originale, e senza fronzoli per la testa. Questo è Fuori di Milano, diverso dai soliti, ma uguale ai migliori, ed è questo il punto di eccellenza della rivista: una rivista cartacea distribuita a Milano per parlare a Milano e dire a Milano, informando.

Fuori di Milano è la prima free press generalista interamente realizzata da utenti di salute mentale. Aspiranti giornalisti, questo ci dice il direttore Daniele De Luca raggiunto al telefono da La Milano, persone con tanta voglia, tanta grinta, tanta volontà di fare e di dare un segno nella loro City. Persone dinamiche e professionale, uno staff redazionale a pieno.
Il progetto nasce e si elabora attraverso la bravura e l’efficienza de persone a carico alle strutture sanitarie milanesi. Sono 7 redattori (che si definiscono Matti 2.0), mentre il direttore responsabile è Daniele De Luca. L’obiettivo è offrire uno sguardo diverso sul mondo e soprattutto quello di insegnare loro un mestiere, con la speranza di renderli autonomi.

Il primo numero è stato presentato al Forum delle politiche sociali con una tiratura di 20mila copie. Si trova in tutti gli uffici pubblici comunali (anagrafe, biblioteche ecc..) e in alcuni punti vendita Feltrinelli. Non è un giornale che affronta solo temi legati al disagio mentale, nel primo numero, ad esempio, c’era un’intervista a Bergonzoni e un articolo su Trump. L’assessorato alle politiche sociali del Comune di Milano ha aderito al progetto.

Articolo di Lorenzo Chiaro

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...