Cremona, sport al femminile: il comune aderisce al progetto promosso da Assist – Associazione Nazionale Atlete

L’iniziativa, a favore dello sviluppo dello sport femminile, si svilupperà da fine di quest’anno sino a giugno 2024.

Cremona, sport al femminile: il comune aderisce al progetto promosso da Assist – Associazione Nazionale Atlete.

Il Comune di Cremona ha deciso di aderire al progetto, promosso da Assist – Associazione Nazionale Atlete, denominato “Centro Studi Cremona Fair Coaching – FCC PROJECT” che si svilupperà dalla fine di quest’anno e sino a giugno 2024. Tale decisione trova fondamento anche dal recente risultato ottenuto dalla provincia di Cremona che, secondo l’Indice di Sportività calcolato da Il Sole 24 Ore nel 2022, si colloca al terzo posto a livello nazionale per quanto riguarda la diffusione dello sport femminile, che rappresenta pertanto un punto di forza del nostro territorio da promuovere e valorizzare.

Il prossimo 19 novembre, al Teatro Monteverdi, sarà organizzato un evento di presentazione del progetto che vedrà la partecipazione dell’Assessore allo Sport Luca Zanacchi e della Presidente di Assist – Associazione Nazionale Atlete Luisa Rizzitelli, della Responsabile Formazione e progetti innovativi di Assist Antonella Bellutti e della testimonial Josefa Idem.

Siamo orgogliosi della collaborazione con Assist. Lo sviluppo del progetto ‘Centro Studi Cremona Fair Coaching – FCC PROJECT’ e dell’Osservatorio nazionale pone Cremona al centro di importanti attività volte alla diffusione di una cultura sportiva nuova, sempre più inclusiva e rispettosa di tutti coloro che praticano sport. L’avvio di corsi di formazione specifici per allenatori, dirigenti, atlete e genitori di queste ultime rappresenta un importante tassello per la crescita culturale dello sport cittadino e non solo”, dichiara l’Assessore Luca Zanacchi.

E’ un onore ed una grande soddisfazione per noi portare due grandissime campionesse e ben 6 partner europei, per lanciare l’Osservatorio nazionale Faircoaching ossia uno strumento di monitoraggio e formazione di una cultura dell’ ‘allenare’ fatto di rispetto, empatia e valori dello sport. Cremona sarà regina di un tema importantissimo sia per la crescita degli e delle atlete che per gli stessi operatori ed educatori dello sport”, commenta la presidente di Assist Luisa Rizzitelli.

Il percorso che ha portato a tale decisione inizia nell’ottobre 2021 quando la Giunta comunale ha approvato la Carta dei Valori per lo Sport Femminile del Comune di Cremona. Questo ha rappresentato un primo passo ed un vero e proprio impegno per la promozione delle pari opportunità anche in ambito sportivo. Lo sport, infatti, rappresenta un importante strumento educativo, di inclusione e di contrasto alle discriminazioni, giocando un ruolo rilevante nello sviluppo di modelli di comportamento.

La Carta, fortemente voluta dall’Assessorato allo Sport, nasce da una prima collaborazione con Assist – Associazione Nazionale Atlete proprio sul tema dello sport al femminile. L’Associazione opera da più di vent’anni sul territorio nazionale proprio per la difesa dei diritti delle atlete, degli atleti e di tutti gli operatori ed operatrici in ambito sportivo.

Grazie anche all’ottenimento di fondi diretti europei tramite il programma Erasmus+, Assist è riuscita a dar vita ad un progetto volto a promuovere una cultura del rispetto in ambito sportivo. “Il “Fair Coaching” – cita il progetto stesso – è un concetto legato alla consapevolezza che – nonostante gli allenatori possano presentarsi come buoni modelli di ruolo – il comportamento inappropriato o scorretto si manifesta consapevolmente o inconsapevolmente in una varietà di forme, con gravi ricadute sulla valenza dello sport come esperienza di crescita personale e sviluppo sociale prima ancora che di percorso agonistico per il miglioramento della performance”.

La collaborazione con Assist è proseguita con la proposta da parte dell’Associazione di dar vita proprio a Cremona ad un Osservatorio, unico in Italia ed in Europa, con un comitato scientifico collegato al mondo accademico ed alle istituzioni sportive in grado di raccogliere dati rilevanti, migliorare le qualità delle linee guida ed implementare buone pratiche anche attraverso la somministrazione di questionari e la conseguente stesura di un report annuale nazionale sul Fair Coaching. Oltre a questo, dirigenti, atleti e famiglie avranno la possibilità di partecipare ad un percorso formativo finalizzato a promuovere il metodo “Fair Coaching” e diffondere una cultura del rispetto anche nella pratica sportiva.

Cremona, sport al femminile: il comune aderisce al progetto promosso da Assist – Associazione Nazionale Atlete

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...