fbpx
CAMBIA LINGUA

Bari: Torna la Festa dei Popoli dal 26 al 28 maggio al giardino Princigalli

la XVIII edizione del festival interculturale con eventi, spettacoli e concerti per celebrare l’incontro tra popoli e culture

Bari: Torna la Festa dei Popoli dal 26 al 28 maggio al giardino Princigalli.

Universo Diverso è il tema scelto per la Festa dei Popoli 2023, in programma dal 26 al 28 maggio al giardino Princigalli. Da 18 anni la manifestazione celebra a Bari l’incontro tra popoli e culture, con musiche e danze dal mondo.

La manifestazione, realizzata dal Centro Interculturale Abusuan e dai Missionari Comboniani con la collaborazione del Comune di Bari, della Regione Puglia e di un’importante rete di associazioni, comunità straniere e istituti scolastici, è stata presentata a Palazzo di Città, dalle assessore alle Culture, Ines Pierucci, e alle Politiche educative e giovanili, Paola Romano, dal missionario comboniano Padre Palmiro Mileto, dalla segretaria generale presso la Camera del lavoro metropolitano e provincia di Bari Gigia Bucci e dal presidente di Abusuan Taysir Hasan.

Anche quest’anno la Festa dei Popoli promuove una serie di iniziative finalizzate ad attivare un percorso di ricerca che mira a riconoscere un universo di umanità “multiculturale” che si affida alla musica, alla danza e alle arti per un’evoluzione personale e di riconoscimento. Tra le novità di quest’edizione che, come di consueto, propone un ricco programma di danze, incontri, presentazioni, letture, laboratori, spettacoli e concerti, vi saranno il laboratorio musicale per le scuole condotto da Couliby Mamadou, artista del Burkina Faso, e una campagna di sensibilizzazione della donazione del sangue e del midollo, a cura dell’associazione Fratres, con l’obiettivo di coinvolgere i più giovani.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

“La Festa dei Popoli compie diciotto anni, e come amministrazione siamo ben felici di condividere con gli organizzatori questo traguardo – dichiara l’assessora alle Culture Ines Pierucci -. Si tratta della manifestazione che per prima ci ha spinti a guardare con occhi nuovi le comunità straniere presenti in città grazie a un appuntamento che, dal suo esordio, ha promosso l’incontro con le diverse culture e tradizioni e il valore di un’integrazione pacifica. Se oggi conosciamo e apprezziamo le musiche, le ricette, i racconti di Paesi lontani, se oggi abbiamo amici africani, palestinesi, armeni, slavi, sudamericani o indiani, è anche grazie al lavoro straordinario condotto dagli amici di Abusuan e dai Missionari Comboniani in questi anni. Un lavoro che ha reso la nostra città più accogliente e più aperta”.

“La Festa dei Popoli – sostiene l’assessora alle Politiche educative e giovanili Paola Romano – rappresenta ogni anno uno straordinario momento educativo non solo per la partecipazione di tante scuole, sempre più numerose, ma soprattutto perché celebra la diversità delle culture che vivono e attraversano la nostra città arricchendola e proiettandola nel futuro. Specie per i più piccoli una manifestazione come questa costituisce un’esperienza formativa fondamentale, che li apre al mondo e alla bellezza della diversità”.

“Teniamo particolarmente alla Festa dei Popoli – commenta l’assessora al Welfare Francesca Bottalico che non è potuta intervenire alla presentazione – perché rappresenta concretamente il processo di dialogo e costruzione coltivato quotidianamente dalle istituzioni, dalle varie comunità e dal territorio e che quest’anno assume una forte valenza, anche politica, alla luce del tentativo in atto di indebolire il sistema di protezione e accoglienza dei migranti. In questa direzione è più che mai importante sostenere e rilanciare quanto di straordinario accade nelle nostre città, come questo appuntamento, per il quale ringrazio Abusuan e i Comboniani che con grande tenacia e lungimiranza lavorano da sempre per promuovere conoscenza e inclusione”.

“Da diciotto anni la Festa dei Popoli, simbolo di fratellanza e incontro tra genti e culture, è diventata patrimonio di Bari, città moderna ed europea che ogni giorno la politica e i cittadini contribuiscono a costruire pezzo dopo pezzo. Per questo – sottolinea Taysir Hasan, presidente di Abusuan – abbiamo deciso di intitolare l’edizione 2023 Universo Diverso, per affermare il percorso collettivo di umanità multiculturale che si rafforza attraverso la musica, la danza e l’arte in generale con una grande festa, aperta a tutti, nello splendido villaggio colorato allestito nei Giardini Princigalli”.

Di seguito il programma completo della Festa dei Popoli:

Festa dei Popoli 2023 prende il via venerdì 26 maggio, alle ore 18.30, nel giardino Princigalli, con una grande festa dedicata alle scuole con le esibizioni degli studenti dall’Istituto Comprensivo “Nicola Zingarelli-Anna Frank”, Scuola Secondaria “Tommaso Fiore”, Scuola “Amedeo D’Aosta”, CPIA Bari, Istituto comprensivo “Massari-Galilei”, S.S. “Riccardo Monterisi” di Bisceglie. A seguire danze indiane a cura dell’associazione Bollywood Bari e nell’area incontri racconto dell’esperienza della Fondazione, presieduta dal Premio Nobel per la Pace, Jody Willimas, nel campo dell’accoglienza di rifugiati e richiedenti asilo, attività per promuovere i diritti umani e la sostenibilità ambientale e sociale a cura della “Fondazione Città della pace per i bambini” – Basilicata.

Sabato 27 maggio dalle ore 18.30 sono previste attività rivolte ai giovani in occasione Giornata della donazione del sangue e del midollo, a cura dell’associazione Fratres, e “Danze in cerchio dal mondo”, a cura dell’associazione “Alma Terra” di Mola di Bari. Nell’area incontri in programma “Cantastorie da tutto il mondo”, storie, leggende, tradizioni e folklore a cura di “Squola Senza Confini-Penny Wirton” di Bari, “Il profumo dei giacinti selvatici”, la presentazione del libro di Rosa Maria Vinci (Giacovelli – agosto 2021), a cura dell’associazione “Le Aquile di Seta” di Bari, con la moderazione di Anna Lattanzi, capo redattrice di “Albania Letteraria”. Esibizione finale del laboratorio musicale “Scuola ensemble”, a cura di Couliby Mamadou, con gli studenti dell’istituto comprensivo “Massari-Galilei”, Istituto Comprensivo “Nicola Zingarelli-Anna Frank” e Scuola Secondaria di primo grado a indirizzo musicale “Amedeo D’Aosta”. A seguire danze albanesi, a cura della comunità albanese e dell’associazione le Aquile di Seta, danze indiane, a cura dell’associazione Akshara, danze popolari albanesi di Meli Hajderaj, “Spoken Music”, a cura dell’Associazione la Casa sull’albero di Roma. A chiudere la serata musica e mondi sonori differenti con i concerti di Colpa DelayMalvaMaltesi (tributo a Fabrizio De Andrè), Pimienta Sound e Fabula Rasa.

Domenica 28 maggio dalle ore 18.30 “Danze in cerchio dal mondo”, a cura dell’associazione “ArtiDea cultura” di Bari, “Danze in cerchio dall’Ucraina”, a cura dell’associazione “Uniti per l’Ucraina” di Bari, e “Giochi dal mondo”, a cura dell’associazione “Circondario” di Bari (per ragazzi dai 9 ai 14 anni).

Nell’area incontri “Racconti dal mare” con ascolto di podcast, letture e testimonianze di esperienze di viaggio vissute da donne e uomini partiti dai propri Paesi, a cura del “Gruppo Educhiamoci alla Pace” di Bari, “Contribuire alla trasformazione sociale”, con riflessioni e condivisioni per diventare protagonisti dello sviluppo della comunità a cura della “Comunità Baha’i” di Bari, “I giovani possono smuovere il mondo: l’educazione e l’Istituto di formazione”, con riflessioni sull’importanza dell’educazione nel lavoro di costruzione di comunità a cura della “Comunità Baha’i” di Bari, descrizione e presentazione del “Sikh turbante”, a cura dell’associazione Arshara, e il ciclo di letture “Promuovere l’uguaglianza tra uomini e donne” e “ Chi educa una bambina educa un popolo”, a cura di Aps Gianni Ballerio Ets. Infine i concerti di “In.. Canti di Donne Odv”, opere teatrali e poesia a cura dell’associazione “Mali Kura” Bari, Dub Fever, Ctrl+Z, Tin, Quid, C.a.m.a-L.i.l.a., gruppo musicale Let’s Funk! Under the Disco, a cura di Aps Gianni Ballerio Et e Couliby Mamadou con il sassofonista Roberto Ottaviano. 

Bari: Torna la Festa dei Popoli dal 26 al 28 maggio al giardino Princigalli

 

 

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×