fbpx
CAMBIA LINGUA

Bari, firmato il protocollo di intesa per promuovere l’inclusione dei rifugiati

L’accesso ai servizi e l’integrazione sul territorio diventano più semplici grazie alla firma del protocollo

Bari, firmato il protocollo di intesa per promuovere l’inclusione dei rifugiati.

 

È stato firmato oggi dal Comune di Bari e da UNHCR, Agenzia ONU per i rifugiati, un protocollo di intesa che prevede una serie di azioni coordinate volte a favorire l’integrazione dei rifugiati, promuovendo un accesso più semplice ed efficiente ai servizi disponibili sul territorio. Il protocollo, firmato questa mattina a Palazzo di Città dal sindaco di Bari Antonio Decaro e da Chiara Cardoletti, rappresentante UNHCR per l’Italia, la Santa Sede e San Marino, contempla l’avvio dello “Spazio Comune”, un modello di centro multiservizi pensato da UNHCR e realizzato nel Centro polifunzionale comunale “Casa delle Culture” grazie al supporto di ActionAid per implementare i servizi già attivi.

 

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

“La sigla di questo protocollo testimonia la volontà condivisa di mettere a sistema le rispettive competenze per offrire alle persone rifugiate e richiedenti asilo sul nostro territorio un punto di accesso unico per meglio orientarsi nella conoscenza e nell’accesso ai servizi disponibili – ha sottolineato Antonio Decaro. Avere al nostro fianco l’Agenzia ONU per i rifugiati e ActionAid è garanzia di un progetto che speriamo possa rivelarsi pienamente efficace per l’inclusione e l’avvio di percorsi di autonomia personale grazie alla collaborazione attiva di diversi soggetti istituzionali – Questura, Prefettura, ASL – che ringrazio. Nello Spazio Comune di Bari sarà possibile non solo ricevere supporto materiale per l’acquisizione dei documenti amministrativi essenziali per la vita di ogni giorno ma anche un aiuto qualificato per la ricerca di lavoro e alloggio in aggiunta a quanto già offerto dalla Casa delle Culture”.

 

Oltre ad attività di sportello per facilitare la ricerca di alloggio e lavoro, lo Spazio Comune di Bari prevede, in aggiunta ai servizi già erogati da Casa delle Culture, attività di sensibilizzazione rivolte alla comunità locale e iniziative di partecipazione. Alcuni servizi sono forniti direttamente dalle istituzioni pubbliche competenti, altri da realtà appartenenti al terzo settore.

I percorsi di inclusione attivati rappresentano per le persone rifugiate un supporto per l’autonomia dopo il loro ingresso nelle strutture di accoglienza. Lo Spazio Comune vuole essere un luogo di attenzione ai diritti e alla persona favorendo la partecipazione attiva delle persone rifugiate all’interno delle comunità locali e nel tessuto della città.

 

“Siamo molto lieti che la Città di Bari abbia risposto con entusiasmo all’appello di UNHCR adottando il concetto di Spazio Comune che altre città italiane hanno abbracciato ed altre, auspichiamo, si aggiungeranno – ha dichiarato Chiara Cardoletti –. Crediamo che il modello Spazio Comune possa davvero essere di supporto all’integrazione delle persone rifugiate nelle nostre città, permettendo loro di esprimere il proprio potenziale grazie alla collaborazione di tutti i soggetti del territorio coinvolti nei processi di inclusione. Rafforzare i processi di integrazione è un investimento per i rifugiati e per il Paese”.

 

“Spazio Comune – ha commentato l’assessora comunale al Welfare Francesca Bottalico – nasce da un lavoro di co-progettazione tra l’assessorato al Welfare e UNHCR a partire da quanto già realizzato in questi anni nella nostra città dalla rete dei sevizi pubblici e del privato sociale per l’inclusione dei rifugiati.

Non a caso il progetto sarà realizzato nella Casa delle Culture, che dal 2017 rappresenta il punto di riferimento per l’accoglienza, l’accompagnamento e l’inclusione delle persone migranti e per la promozione di esperienze di cittadinanza attiva e dialogo interculturale.

Il nostro auspicio è che Spazio Comune possa diventare un polo integrato fra tutte le istituzioni pubbliche che erogano servizi per i rifugiati, in modo da garantire sempre maggiore efficacia ai percorsi di inclusione attivati e da attivare”.

 

“Le rifugiate e i rifugiati sono come tutte le persone del mondo, gente che, prima di essere costretta a fuggire, aveva una famiglia, una casa, un lavoro – ha raccontato Yuliia Chyzhevska, leader di comunità del progetto Spazio Comune di Bari -. Tra loro sono numerosi anche i personaggi celebri che durante la loro vita hanno cercato rifugio lontano dal loro Paese di origine. Dante Alighieri, Niccolò Machiavelli, Albert Einstein erano rifugiati. Non tutti i rifugiati possono diventare Albert Einstein, ma ogni persona rifugiata ha diritto a realizzare il proprio progetto di vita, nel rispetto dei diritti”.

A margine della sigla del protocollo il sindaco Decaro ha donato a Chiara Cardoletti un’ampolla contenete la sacra manna di San Nicola:

“Approfitto di questa occasione – ha detto Decaro – per ringraziare l’Agenzia  e tutto il sistema ONU per l’immediatezza degli aiuti dispiegati nei territori colpiti dal terremoto. Una tragedia immane non solo per l’elevatissimo numero di vittime – oltre 41 mila – ma anche per gli effetti devastanti su territori già duramente provati da guerre e da fenomeni migratori consistenti. In segno di gratitudine e anche di riconoscenza consegno a Chiara la sacra manna di san Nicola, santo dalla pelle scura, che ha esercitato il suo magistero pastorale proprio in quelle terre oggi martoriate dal terremoto. San Nicola, simbolo del dialogo e della fratellanza, santo delle imprese audaci è testimone di quei valori che sono proprio quelli che ispirano la mission istituzionale dell’Agenzia per i rifugiati. Per questo, sono certo che il potere taumaturgico della sacra manna proteggerà il vostro lavoro”.

 

Nel dettaglio, i servizi erogati dallo Spazio Comune riguarderanno:

  1. a) assistenza, anche attraverso gli sportelli di tutela legale di integrazione sociosanitaria e culturale esistenti (sportello 108 Reg. reg.n. 4/2007), oltre che l’apertura di sportelli ad hoc, qualora condiviso, da parte delle amministrazioni competenti (Questura, Prefettura, ASL, Anagrafe), nell’acquisizione dei documenti amministrativi essenziali: permesso di soggiorno, codice fiscale, certificato di residenza, carta d’identità.

Informazione, orientamento e supporto per le procedure amministrative più rilevanti: domande di ricongiungimento familiare, cittadinanza italiana, iscrizione al Sistema Sanitario Nazionale, rilascio tessera sanitaria, scelta del medico di base, iscrizione alle scuole pubbliche e alle scuole per adulti (CPIA), iscrizione al centro per l’impiego, registrazione della richiesta di protezione internazionale.

  1. b) assistenza sociale e accesso alle misure di welfare comunale;
  2. c) orientamento per persone con bisogni specifici: supporto psicosociale, consulenza e servizi correlati per minori stranieri non accompagnati, sopravvissuti alla violenza di genere, alla tortura o alla tratta, ecc.;
  3. d) accesso ai percorsi di formazione linguistica: orientamento e iscrizione ai corsi pubblici e a quelli organizzati da organizzazioni della società civile;
  4. e) sostegno all’inclusione lavorativa: supporto individuale per la formazione professionale e l’inserimento lavorativo e attività di accompagnamento alla creazione di nuove imprese e start-up, anche attraverso il collegamento con il progetto “Welcome Working for refugee integration” di UNHCR;
  5. f) coinvolgimento della comunità locale attraverso la realizzazione del programma UNHCR di “Community Matching” cui il Comune di Bari ha aderito;
  6. g) attività di rafforzamento delle comunità rifugiate locali attraverso azioni di capacity building e il coinvolgimento diretto di volontari e Community Leaders nelle attività del centro, anche in collaborazione con il costituendo tavolo permanente di confronto con le comunità straniere presenti sul territorio del Comune di Bari;
  7. h) sostegno all’inclusione abitativa anche attraverso attività di sensibilizzazione della comunità;
  8. i) servizio di mediazione interculturale e sociale.

 

Il rapporto di collaborazione fra il Comune di Bari e l’Agenzia ONU per i rifugiati nasce con l’adesione alla Carta per l’Integrazione, si conferma con il supporto costante alla Giornata Mondiale del Rifugiato e si salda con la partecipazione ai progetti di UNHCR che favoriscono l’integrazione sociale e lavorativa, come Community Matching, e Welcome – working for refugee integration, che oggi confluiscono, con i relativi servizi, nello Spazio Comune della città.

Riconoscendo l’interconnessione sempre più evidente tra lo sviluppo delle città e delle comunità e le capacità di accoglienza e integrazione dei rifugiati e richiedenti asilo, UNHCR e Comune di Bari sono pronti a continuare a percorrere insieme la strada intrapresa con entusiasmo e impegno.

Lo Spazio Comune della città di Bari è presso Casa delle Culture, in via Barisano da Trani 15, al quartiere San Paolo.

Bari, firmato il protocollo di intesa per promuovere l’inclusione dei rifugiati

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×