Al San Babila data unica per i Beat Five

124

Sarà in scena domenica 28 aprile alle 16.30 al Teatro San Babila di Milano lo spettacolo “Ultimi” per la regia di Silvio Cantoro e l’arrangiamento di Alessandro Caione. Protagonisti della performance, tratta da una storia vera, i Beat Five: quintetto vocale nato nel 2011, caratterizzato da una polifonia vocale che trasforma le loro esibizioni in spettacoli teatrali suggestivi e coinvolgenti.Ultimi è la storia vera di un uomo le cui vicende umane, storiche e sociali lo disegnano come un vinto, un perdente, uno sconfitto, ultimo tra gli ultimi, un brigante. Tuttavia, cambiando il punto di vista narrativo e rileggendo la storia con occhi diversi, ne emerge un eroe con tutto il suo coraggio. Un uomo dal grande cuore, follemente innamorato della sua patria, della sua donna e dei suoi sogni.Lo spettacolo ha esordito nel 2018 presso il Teatro Paisiello di Lecce, luogo d’origine del quintetto formato da Serena Spedicato (lead vocal), Monica Gesmundo, Agnese Cotardo, Alessandro Caione e Giovanni Visconti. Il primo spettacolo totalmente scritto e interpretato dai Beat Five esce nel 2014. Si tratta di “Sing sing sing: foto di un viaggio”, un percorso musicale e narrativo attraverso l’immaginazione, la fantasia, il sogno e la volontà. Un viaggio nel piacere della scoperta e dell’avventura, ma anche nel dolore e nella necessità dell’emigrazione. Nel 2018 i Beat Five interpretano il brano “Nei sogni”, colonna sonora del pluripremiato corto “La bicicletta” che, tra i vari riconoscimenti, ottiene quello di “best song” all’Oniros Film Award 2018; “miglior musica originale” al Cefalù Film Festival 2018; “miglior colonna sonora” al Premios Latino 2018 – Marbella (Spagna), “migliore canzone” nella sezione Musica del Premio Internazionale Salvatore Quasimodo e la nomination al Los Angeles Film Fest 2018.Autore del cortometraggio e della colonna sonora (in collaborazione con Alessandro Caione) è sempre Silvio Cantoro che, come per Ultimi, collabora con i Beat Five sia come musicista sia come regista. Salentino, classe 1967, esprime la sua passione musicale nel panorama acid jazz della metà degli anni Novanta, per approdare alla musica popolare salentina, come bassista della Notte della Taranta, dal 1999 al 2015. Al fianco di Stewart Copeland, Mauro Pagani, Ambrogio Sparagna, Vittorio Cosma e Giovanni Sollima, partecipa a numerose tourné nazionali e internazionali. La band è formata da: Alessandro Caione – piano, Alessandro e Mattia Monteduro – percussioni, Maurizio Bizzochetti – chitarra, Silvio Cantoro – basso

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 

Commenti
Loading...