Monza, Cinque incontri in streaming alla scoperta del Superbonus 110%

Monza, 06 novembre 2020. Prosegue sul web «Monza città efficiente», la campagna di monitoraggio degli edifici della città e di informazione sull’efficienza energetica. Dopo gli incontri dello scorso anno presso i Centri civici, interrotti dall’emergenza sanitaria, dal 12 novembre si torna sui «banchi virtuali» per cinque «lezioni» in streaming. Il tema è di stretta attualità, il «Superbonus 110%».

Un’opportunità per il sistema e per i cittadini. «Con la pubblicazione degli ultimi decreti attuativi è stato definito il quadro normativo per l’applicazione del Superbonus al 110% – afferma l’Assessore ai Lavori Pubblici Simone Villa – introdotto dal Decreto Rilancio per migliorare l’efficienza energetico con possibilità di sconto in fattura e cessione del credito. È un’opportunità importante per le ricadute positive che potrà avere sia sulla nostra città in termini di tutela dell’ambiente, sia sulle tasche dei cittadini per l’azzeramento dei costi grazie al meccanismo di cessione del credito. Una migliore performance degli edifici non solo fa bene all’ambiente perché riduce l’inquinamento e contribuisce alla lotta ai cambiamenti climatici, ma aumenta anche il valore degli immobili fino al 25%. Senza dimenticare che, soprattutto in una fase di difficoltà causata dalle misure anti Covid, il comparto dell’edilizia “green” rappresenta per il nostro Paese un’importante occasione di rilancio economico».

Alla scoperta dei «segreti» del «Superbonus 110%». Al centro degli incontri tutte le novità relative agli incentivi fiscali legati al «Superbonus 110%», gli strumenti tecnici (smart technologies e building solutions), economici e finanziari e le opportunità dei bonus fiscali per interventi efficaci e sostenibili di miglioramento delle perfomance energetiche di abitazioni ed edifici.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

Gli appuntamenti. La campagna in live streaming, in collaborazione con «iiSBE Italia», «Habitami Energy and Building Advisor» e «Tabula Rasa – Agenzia di green marketing e comunicazione ambientale», è pensata per i residenti dei singoli quartieri. Si comincia giovedì 12 novembre alle ore 21 con i quartieri Centro, San Gerardo, Cazzaniga e Parco. A seguire altri quattro incontri sempre alle ore 21 e sempre di giovedì: 19 novembre (Triante, San Carlo e San Giuseppe), 26 novembre (San Rocco e San Fruttuoso), 3 dicembre (Libertà, Cederna e Cantalupo) e 10 dicembre (Sant’Albino, Regina Pacis e San Donato). Per i cittadini e gli amministratori di condominio interessati l’appuntamento è sulla pagina Facebook di «Monza città efficiente» (@monzacittaefficiente).

Richiedi il monitoraggio del tuo edificio. Prosegue anche il monitoraggio degli edifici. I cittadini possono richiedere, senza alcuna spesa, di verificare l’efficienza energetica del proprio appartamento o del proprio condominio (dati e costi dei consumi degli impianti e dispersioni dell’involucro edilizio). È il primo step per cogliere le opportunità del «Superbonus 110%». Il servizio sarà effettuato «da remoto» con l’innovativo tool «Rethink City», risultato di uno studio di diversi progetti di «Horizon 2020», programma quadro europeo per la ricerca e l’innovazione. Per richiedere il monitoraggio del proprio edificio: pagina Facebook di «Monza città efficiente» (@monzacittaefficiente) – email: [email protected] – tel. 039/5970969 (lunedì/venerdì 9.30 – 19) – www.sportelloenergia.monza.it.

Efficienza energetica, i numeri. Una famiglia spende, in media, 1.200 euro l’anno per le bollette, cioè circa 100 euro che ogni mese pesano sullo stipendio (Dati «Osservatorio sull’energia» di Facile.it). Una cifra che potrebbe essere sensibilmente ridotta grazie a interventi di efficienza energetica. Inoltre gli studi recenti dimostrano come il riscaldamento degli edifici contribuisca al 64% di emissioni di CO2 nell’aria, contro il 10% del traffico veicolare e il 26% derivante dall’attività industriale. A Monza ci sono quasi 9 mila edifici residenziali. Di questi l’80% costruito prima del 1991, cioè prima della Legge 10 del 9 gennaio 1991 sulle norme per l’attuazione del Piano energetico nazionale. Su circa 30 mila impianti termici, il 27% risultano essere in attività, cioè installati, in un periodo compreso tra i 15 e i 69 anni fa. «Quindi intervenire sui condomini più obsoleti è una scelta strategica e non più rinviabile», conclude l’Assessore.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...