Udine, corsi di educazione sessuale a scuola: l’obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza e la prevenzione

L’assessore alle politiche sociali Giovanni Barillari: "Un progetto per aiutare i ragazzi nella loro crescita"

Udine, corsi di educazione sessuale a scuola: l’obiettivo è quello di aumentare la consapevolezza e la prevenzione.

Accompagnare i ragazzi nel loro percorso di sviluppo psico-sessuale. Fornire gli strumenti per cogliere il reale significato di concetti quali affettività, emozioni e sentimenti. Esplorare i diversi livelli della sessualità, dagli aspetti psicologici a quelli sanitari, con focus specifici sulla contraccezione e sulla prevenzione da malattie trasmettibili.

Sono alcuni dei temi presi in esame dal progetto di promozione della salute fisica, psichica e morale“educazione ad una sana e consapevole affettività e sessualità e prevenzione delle malattie sessualmente trasmesse” per il quale il Comune di Udine destina un contributo da 17mila e 500 a 134 classi tra scuole superiori (in larga prevalenza) e scuole medie. Sarà il Liceo “Caterina Percoto” la scuola capofila del percorso.

Ne ha dato notizia l’assessore alle politiche sociali Giovanni Barillari, illustrando una delibera ad hoc: “Si rinnova la collaborazione con le scuole per un programma finalizzato ad aumentare la consapevolezza dei ragazzi rispetto al processo di maturazione fisica, sessuale e psicologica dell’adolescenza. La metodologia utilizzata è volta a favorire il dialogo ed il confronto dialettico sia tra i ragazzi e gli educatori sia tra gli stessi ragazzi. L’obiettivo perseguito è rendere gli incontri interattivi ma anche calibrati sugli effettivi bisogni dei ragazzi: di informazione, di rassicurazione, di confronto nel gruppo e di contenimento emotivo”.

Ancora Barillari: “Il dialogo è alla base del progetto, il cui obiettivo è sfatare tabù e rendere più consapevoli i ragazzi. Sono previsti incontri con personale debitamente formato per dare adeguate informazioni sugli aspetti psicologici, affettivi e sanitari della sessualità in età adolescenziale; ci sono poi altri metodi formativi che puntano a indagare lo stato delle conoscenze degli adolescenti sulle malattie sessualmente trasmesse e in generale la salute sessuale, per poter successivamente programmare interventi mirati alla promozione della salute e alla corretta informazione su questi stessi argomenti. Il progetto punta infatti ad implementare la consapevolezza dei ragazzi su questi temi delicati, a fornire anche un punto di ascolto e ad avere utili strumenti preventivi”.

A seconda dell’età, il percorso si sviluppa secondo modalità e attività diverse. Queste le scuole coinvolte: Marconi, Bellavitis, Uccellis, Valussi e Manzoni per le medie, Zanon, Marinelli, Ial, Sello, Copernico, Malignani, Percoto e Stellini per le superiori.

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...