fbpx

Cremona: l’arte del “Saper Fare liutario” arriva a Vienna

Cremona candidata anche a Città Creativa dell'UNESCO

Cremona: l’arte del “Saper Fare liutario” arriva a Vienna

La città di Cremona, nota in tutto il mondo per la sua storia musicale e per l’arte del “Saper Fare liutario”, ha portato questa tradizione secolare a Vienna nel prestigioso Palazzo Metternich, con un gemellaggio
culturale che proietta a livello internazionale la sua prossima candidatura a Città Creativa dell’UNESCO per la Musica.

Con un evento unico, organizzato in collaborazione con l’Ambasciata italiana nella capitale austriaca, la città lombarda ha presentato la nuova edizione del Monteverdi Festival, in programma dal 16 al 25 giugno, e la riapertura a luglio della storica Casa Stradivari.

Il legame indissolubile di Cremona con la musica va ben oltre la tradizione della liuteria e si estende alla promozione della cultura e dell’arte musicale in tutte le sue forme.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

La candidatura entro fine giugno a Città Creativa UNESCO per la Musica rappresenta un’opportunità unica per condividere e promuovere lo sviluppo delle attività musicali attraverso un progetto di cooperazione con le altre città creative a livello nazionale e internazionale.
Cremona ambisce, dunque, a diventare una destinazione unica nel panorama musicale internazionale e crede fermamente che investire nella cultura e nella creatività possa costituire un motore per la crescita economica e un’opportunità per rafforzare il ruolo della musica come strumento di promozione della sostenibilità, dell’inclusione sociale e della pace.

“ Siamo tornati a Vienna con tanti progetti da raccontare, tra cui la candidatura di Cremona a Città Creativa UNESCO per la Musica. In questi anni Cremona ha costruito percorsi importantissimi, di cultura, lavoro, innovazione, sviluppo e futuro. Noi patria di Monteverdi e Stradivari, noi terra della liuteria e del saper fare cibo buono da terra buona, noi città di fiume e di natura, noi luogo che investe su conoscenza, ricerca e giovani. In particolare, il turismo è molto cresciuto in questi anni nella nostra città, e uno dei mercati principali è proprio l’Austria.
Abbiamo tanto da raccontare e tanto abbiamo da ascoltare e imparare. Perché lo scambio tra città, l’incontro di paesi, il confronto tra progetti e visioni culturali, fonda la convivenza tra i popoli, unisce l’Europa, rende vera e concreta la volontà di pace”, dichiara il Sindaco Gianluca Galimberti.

L’Ambasciatore d’Italia in Austria Stefano Beltrame ha celebrato il gemellaggio ideale fra le due città nel nome della Musica, dando il benvenuto alla delegazione di Cremona e al suo sindaco a Palazzo Metternich.

“Vienna è la capitale mondiale della musica classica grazie ai grandissimi compositori che qui hanno lavorato nel passato, alle sue grandi orchestre e ai suoi celebri teatri. Alcuni sono dei veri templi della musica come il Musikverein e lo Staatsoper e la Konzerhaus. Cremona è la capitale mondiale del violino e della liuteria, tra i più grandi liutai cremonesi figurano Stradivari, Amati e Guarneri del Gesù. Oggi la città preserva questa tradizione e la celebra con il suo ineguagliabile Museo del Violino.
Mi piace ricordare che un legame diretto tra Vienna ed i violini di Cremona fu intessuto proprio dal Principe di Metternich, ammiratore ed amico di Rossini e che qui invitò il grande Paganini”, è il commento dell’Ambasciatore Beltrame.

“La risonanza ‘universale’ dei violini di Antonio Stradivari è stata fonte di ispirazione non solo per i violinisti e compositori del suo tempo, ma per i musicisti di ogni tempo. Nel programma eseguito a Vienna ho cercato di spiegare il ‘perché’ del genio di Stradivari e l’influenza che la scuola cremonese del ‘700 ebbe nella storia della musica. Un racconto musicale tradotto con l’esecuzione di vari brani che attraversano tre secoli di storia. Da Bach a Vivaldi, da Paganini a Sarasate, fino ad arrivare ai nostri giorni”. Antonio Stradivari nel corso della sua vita di rado ha viaggiato: i suoi strumenti l’hanno fatto per lui, portando il nome di Cremona in tutto il mondo. Presentare a Vienna, una delle capitali mondiali della musica, lo Stradivari ‘The Angel – Ex Madrileno 1720’, che ha proprio come missione quella di essere messaggero di arte, cultura e bellezza è, per me, un grande onore.
Questo straordinario violino è stato anche l'”artefice” dell’ideazione del progetto di Fondazione Casa Stradivari, e quindi suonare in una sala così prestigiosa insieme al Museo del Violino e al Comune di Cremona è ancora più simbolico”, dichiara il Maestro Fabrizio von Arx.

Cremona è una città dalle caratteristiche uniche per qualità e quantità di tradizioni, istituzioni e patrimoni legati all’arte dei suoni, con una storia che conta personaggi del calibro di Claudio Monteverdi, Amilcare Ponchielli, Antonio Stradivari, le famiglie Amati e Guarneri.

Il mondo della produzione musicale è ben rappresentato dal Teatro Ponchielli, dal Festival Monteverdi, da STRADIVARI festival, e da una vivace realtà di spettacoli ed esecuzioni musicali.

Le scuole, i centri di formazione, le masterclass, le università e i centri di ricerca che ruotano intorno ai temi della ricerca musico logica, dell’apprendimento della pratica musicale e della costruzione di strumenti costituiscono un unicum già diventato Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità nel 2012.
La comunità dei liutai, con il Comune, il Museo del Violino e il Ministero della Cultura è ora impegnata nella scrittura del Piano di Salvaguardia del Saper fare liutario tradizionale cremonese.
“ E’ a Cremona che nasce Claudio Monteverdi e sempre a Cremona che nasce Antonio Stradivari. Due figure straordinarie che hanno rivoluzionato il proprio ambito, chi per la musica chi per la costruzione di strumenti, e che ancora oggi caratterizzano buona parte dello sviluppo culturale della nostra città. Grazie a questa tradizione secolare, ma al contempo molto attuale la nostra città ha saputo riconoscersi come luogo di produzione musicale e di creazione musicale”, sostiene l’Assessore alla Cultura Luca Burgazzi.

Cremona celebra queste due grandi protagonisti della storia della musica e della città attraverso due importanti festival.
Se Cremona è già nota nel mondo per l’unicità del suo patrimonio liutario e musicale, per un flusso di turisti nazionali ed internazionali sempre più in crescita che la visitano ogni anno, c’è da esplorare anche molto altro.

“ Qui a Vienna si è esibito un grande musicista che si è perfezionato negli studi del violino a Cremona e che suona un gioiello della scuola liutaria cremonese. Ma la cosa magnifica è che qualsiasi visitatore e turista in arrivo in città potrà vivere questa esperienza, potrà ascoltare uno Stradivari e visitare una bottega di liuteria, ma anche navigare sul fiume Po, degustare i prodotti tipici nelle aziende locali, essere coinvolto in una visita insolita per palazzi e castelli oppure partecipare ad uno degli oltre 400 eventi che si svolgono in città ogni anno ”,dichiara a sua volta l’Assessore al Turismo Barbara Manfredini.

Cremona: l'arte del "Saper Fare liutario" arriva a Vienna

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×