fbpx
CAMBIA LINGUA

Bologna: “Un jour nouveau | Birthday Party” al Teatro Arena del Sole

Domenica 12 marzo 2023

Bologna: “Un jour nouveau | Birthday Party” al Teatro Arena del Sole.

Domenica 12 marzo alle 16.00 al Teatro Arena del Sole di Bologna, andrà in scena in prima nazionale, “Un jour nouveau | Birthday Party”, spettacolo composto da due creazioni firmate da due dei più stimati coreografi della scena contemporanea, Rachid Ouramdane e Angelin Preljocaj: un esperimento che celebra i corpi nella terza età.

I lavori di Ouramdane e Preljocaj, rispettivamente “Un jour nouveau” e “Birthday Party”, esplorano i limiti del corpo nella danza e dimostrano come l’energia vitale del movimento possa assumere forme diverse, in primo luogo poetiche. La ricerca artistica di Ouramdane e Preljocaj si concentra sulla trasformazione del corpo nel tempo, un tema di grande interesse anche al di fuori del contesto artistico. Ouramdane sperimenta i confini del corpo umano, esplorando nuove espressioni e arrivando fino al circo, mentre Preljocaj crea bellezza visiva e intensità narrativa collaborando con ex ballerini e persone capaci di creare movimenti intensi e innovativi. Il loro obiettivo è far reagire questa materia affascinante di corpi e storie fisiche diverse, per interrogare i canoni di bellezza e virtuosismo. La domanda centrale, come suggerisce Preljocaj, è: qual è l’età di un corpo?

La produzione che vede la collaborazione tra Emilia Romagna Teatro ERT / Teatro Nazionale e Fondazione Nazionale della Danza / Aterballetto, con il coinvolgimento di importanti realtà come il Ballet Preljocaj, Chaillot – Théâtre national de la Danse, il Festival Aperto / Fondazione I Teatri di Reggio Emilia, il Centro Servizi Culturali Santa Chiara.
L’appuntamento è parte del programma di CARNE, la rassegna dedicata alla drammaturgia fisica di ERT e curata da Michela Lucenti.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Un jour nouveau
Coreografia Rachid Ouramdane; musica originale Jean-Baptiste Julien; additional music Sam Cooke (Everybody loves to Cha Cha Cha), Stephen Sondheim (testo da Send in the Clowns); luci Stéphane Graillot; assistente alla coreografia Mayalen Otondo; danzatori Darryl E. Woods e Herma Vos.

15 minuti

Non c’è danza senza corpo e non c’è corpo che non invecchi. L’invecchiamento del corpo è spesso percepito come una regressione, eppure molti danzatori si sono reinventati invecchiando. Ad esempio, il butō di Kazuo Ohno ci ricorda che invecchiare non significa necessariamente arrendersi o indebolirsi fisicamente. Non sembra una fine ma piuttosto un inizio, come un’eco di una canzone di Etienne Daho, Le premier jour du reste de ta vie, che evoca il passare del tempo e l’inizio delle cose.
Questo antagonismo l’ho percepito nel mio incontro con Herma Vos e Darryl E. Woods, che hanno già una lunga carriera artistica. Parlare con loro, vederli danzare, ha evocato molte capacità di resilienza di fronte agli eventi della vita. Sorprendentemente, mentre stavamo lavorando a un pezzo che sonda lo scorrere del tempo, mi hanno suggerito di sospenderlo.
Rachid Ouramdane

Rachid Ouramdane è un performer e coreografo che ha iniziato la sua carriera con l’hip-hop, ma ha continuato a studiare danza classica e moderna. Ha collaborato con numerosi artisti e le sue creazioni sono ispirate da storie al limite, come quelle dei rifugiati o delle vittime di disastri. Ha collaborato anche con artisti circensi, drammaturghi, artisti visivi e musicisti. Nel 2021 è diventato il direttore di Chaillot – Théâtre national de la Danse a Parigi, il primo teatro nazionale francese dedicato alla danza.

Birthday Party
Coreografia Angelin Preljocaj; musica 79D; additional music Anton Bruckner, Józef Plawiński, Paul Williams, Lee Hazlewood, Johann-Sebastian Bach, Maxime Loaëc, Craig Armstrong, Stinky Toys; luci Eric Soyer; costumi Eleonora Peronetti; assistenti alla coreografia Claudia De Smet, Macha Daudel; danzatori Mario Barzaghi, Sabina Cesaroni, Patricia Dedieu, Roberto Maria Macchi, Elli Medeiros, Thierry Parmentier, Marie-Thérèse Priou, Bruce Taylor.

50 minuti

Ogni anno, in un giorno fisso, il nostro compleanno aggiunge un’unità al conto della nostra esistenza.
Ma qual è l’età di un corpo? Si tratta dell’età biologica o di quella legata alla pratica della sua attività? È l’età che gli altri gli attribuiscono o quella che l’essere in questo corpo sente?
Volevo condividere questa domanda con persone che hanno avuto il privilegio, e in un certo senso la possibilità, di attraversare diverse età della vita.
In questo progetto, gli otto interpreti, di età compresa tra i 67 e gli 80 anni, cercano di rispondere, e potrebbero ben riecheggiare la frase di Spinoza “l’anima è un pensiero del corpo”…
Che pensiero generano questi corpi? Come possono allontanarci da idee preconcette, come possiamo sviluppare una scrittura coreografica specifica e cercare così di avvicinarci ai limiti di questi corpi che invecchiano?… ma soprattutto divertendosi con loro, come a una festa di compleanno che prende la forma di un esorcismo che ci porta negli interstizi del tempo di una vita umana.
Angelin Preljocaj

Angelin Preljocaj ha iniziato la sua carriera di danza con il balletto classico prima di passare alla danza contemporanea sotto la guida di Karin Waehner, Zena Rommett e Merce Cunningham, poi Viola Farber e Quentin Rouillier. Successivamente si è unito a Dominique Bagouet fino alla creazione della sua compagnia nel dicembre 1984. Da allora ha coreografato 57 creazioni, da soli a lavori con grandi ensemble, alternando grandi balletti narrativi a coreografie più astratte. Collabora regolarmente con altri artisti: Enki Bilal, Air, Fabrice Hyber, Jean Paul Gaultier, Laurent Garnier, Azzedine Alaïa, Subodh Gupta, Thomas Bangalter. Le sue creazioni sono presentate in tutto il mondo, con una media di 110 spettacoli all’anno, e sono nel repertorio di numerose compagnie, da cui riceve anche commissioni, come il Ballet de l’Opéra national de Paris. Il Ballet Preljocaj è composto oggi da 24 ballerini stabili e dal 2006 ha sede al Pavillon Noir di Aix-en-Provence.

Per l’occasione ERT organizza un servizio navetta gratuito per il pubblico in partenza da Modena. La prenotazione è obbligatoria, fino a esaurimento dei posti disponibili. Per l’acquisto dei biglietti dello spettacolo, per la prenotazione della navetta o per ricevere maggiori informazioni rivolgersi alla biglietteria del Teatro Storchi 059.2136021 – biglietteria@emiliaromagnateatro.com.

Prossime date in Italia di Un jour nouveau | Birthday Party:
4 novembre 2023, Reggio Emilia
5-6 dicembre 2023, Milano
14-17 marzo 2024, Trento
21-24 marzo 2024, Bolzano

Teatro Arena del Sole, via Indipendenza 44 – Bologna
Prezzi dei biglietti: da 7 € a 25 € esclusa prevendita
Biglietteria: dal martedì al sabato dalle ore 11.00 alle 14.00 e dalle 16.30 alle 19.00
Tel. 051 2910910 – biglietteria@arenadelsole.it | http://bologna.emiliaromagnateatro.com

Bologna: “Un jour nouveau | Birthday Party” al Teatro Arena del Sole

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×