Vicenza, fondi Pnrr: assi verdi in zona industriale per mitigare le aree di calore

Sindaco Rucco e assessore Ierardi: "Grande interesse dal mondo imprenditoriale per future collaborazioni su tutta l'area".

Vicenza, fondi Pnrr: assi verdi in zona industriale per mitigare le aree di calore.

La giunta ha approvato il progetto definitivo per la realizzazione di assi verdi nella zona industriale della città a partire da viale della Scienza che sarà finanziato con 950 mila euro attraverso il bando PNRR missione 5 “Inclusione e coesione”, componente 2 “Infrastrutture sociali, famiglie, comunità e terzo settore”, investimento 2.1 – progetti di rigenerazione urbana, volti a ridurre situazioni di emarginazione e degrado sociale.

Il sindaco Francesco Rucco e l’assessore alle infrastrutture Mattia Ierardi hanno presentato i dettagli dell’intervento che andrà ad interessare un tratto importante della zona industriale di Vicenza denominato “Percorsi ciclabili degli assi verdi per la riduzione dei fenomeni di degrado sociale e miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto ambientale e la mitigazione delle aree di calore”.

“È un esempio pratico di ciò che vogliamo per tutti gli assi viari importanti di Vicenza – hanno spiegato il sindaco Francesco Rucco e l’assessore alle infrastrutture Mattia Ierardi – che devono diventare viali verdi con piante, serviti da piste ciclabili e/o marciapiedi per una mobilità alternativa che, però, non vada a limitare la presenza di parcheggi e posti auto. Abbiamo riscontrato un grande interesse dal mondo imprenditoriale che si è detto disponibile a future collaborazioni per effettuare interventi simili in tutte le altre aree. È un progetto che si aggiunge a quello che riguarda viale della Tecnica, già finanziato con 542 mila euro dal Ministero dell’ambiente, nell’ambito di un intervento complessivo su tutta la zona industriale di Vicenza”.

In dettaglio, il progetto definitivo riguarda la riqualificazione di un ampio tratto di viale della Scienza, situato nell’area industriale di Vicenza, oggi caratterizzato da un generale degrado urbano e dall’assenza di infrastrutture ciclabili e pedonali, nonché assolutamente privo di aree verdi.

Il progetto mira a garantire maggiore sicurezza agli utenti della strada, con particolare riferimento a pedoni e ciclisti, nonché a raggiungere gli obiettivi di mitigazione della massiccia antropizzazione del suolo, riducendo le superfici impermeabili e riqualificando un importante asse di accesso alla città. Una rigenerazione urbana che comprende una generale riqualificazione del tessuto ambientale e la mitigazione del fenomeno delle isole di calore urbano (Urban Heat Island, UHI).

Lo scopo è di mettere in sicurezza un tratto di viale della Scienza così da permettere lo scorrimento veloce in zona industriale e l’accesso a molte attività commerciali, industriali e terziarie. Il tratto è contraddistinto da un unico senso di marcia con due incroci da e per strade trasversali.

Il segmento è interessato da un notevole traffico, anche di automezzi pesanti e bus legati alle attività logistiche delle aree limitrofe. I lavori riguardano la realizzazione delle opere di tipo stradale per l’adeguamento delle due intersezioni come marciapiedi, isole di traffico, corsie di manovra; la realizzazione di una controstrada di accesso alle attività commerciali sul lato nord, comprensiva di posti auto e fascia verde di separazione dalle altre due corsie di scorrimento veloce; la realizzazione del percorso ciclopedonale parallelo a viale della Scienza sul lato sud; la realizzazione di opere di carattere idraulico, per la raccolta e lo smaltimento delle acque meteoriche; l’allestimento di idoneo impianto di illuminazione; le opere a verde di sistemazione di eventuali aiuole, cigli stradali e assi verdi.

Scelte progettuali:

Nuova configurazione della viabilità

L’intervento più rilevante è la realizzazione della controstrada che regolarizza il fronte di accesso alle attività commerciali a nord di viale della Scienza.

Oltre a risolvere un ambito attualmente in avanzato stato di degrado e non funzionale, l’intervento mette in sicurezza sia la viabilità di scorrimento sia quella di accesso alle attività, regolarizzando anche gli stalli a raso.

Chi proviene da via del Commercio potrà inserirsi sia su viale della Scienza sia nella nuova controstrada per accedere alle attività o parcheggiare. Dalla stessa strada ci si potrà immettere nuovamente su viale della Scienza prima della seconda intersezione su via della Ceramica.

Da via del Commercio viene mantenuta la possibilità di svoltare anche a destra (direzione ovest). Viale della Scienza, nel tratto oggetto di intervento, è a senso unico (direzione est). Tale tratto avrà due corsie dedicate, separate dalla controstrada e dal nuovo percorso ciclopedonale da una fascia verde con la doppia funzione di drenaggio e di mitigazione.

Nuova disposizione dei parcheggi

La configurazione attuale risulta caotica e non sicura. I parcheggi utilizzati attualmente non sono regolati e organizzati, a discapito della funzionalità e della sicurezza della fascia di manovra e stallo a nord di viale della Scienza. Tale fascia viene regolarizzata dalla controstrada precedentemente descritta e separata dalle due corsie a scorrimento veloce da una fascia verde seguita da parcheggi a raso a spina di pesce. Lungo le recinzioni delle attività commerciali vengono ricavati altri parcheggi in linea.

Nuovo percorso ciclopedonale

Il nuovo percorso sarà posizionato parallelamente e a sud di viale della Scienza, nell’attuale fascia verde che separa la strada dal muro di recinzione dell’acciaieria: prolungherà il tratto esistente che si concluderà in prossimità del semaforo a est dell’area. Il percorso sarà a ridosso del muro, sarà finito con manto d’usura in asfalto e illuminato da un nuovo impianto posizionato nella fascia verde di separazione.

Messa in sicurezza del marciapiede

Si prevede la messa in sicurezza e sistemazione del marciapiede in prossimità di via del Commercio. L’angolo sull’incrocio verrà trattato a raso con masselli autobloccanti e cordonata rialzata di protezione. Permetterà un attraversamento sicuro in prossimità dell’isola di traffico.

Messa in sicurezza della fermata dell’autobus

Analogamente si prevede la sistemazione del marciapiede che divide il parcheggio a est da viale della Scienza. Verrà spostato l’ingresso al parcheggio su Via della Siderurgia, mantenendo solo l’uscita. Il nuovo marciapiede avrà una quota rialzata rispetto a quello esistente aumentando il livello di sicurezza dei pedoni e di chi aspetta alla fermata del bus. Queste opere servono anche a collegare la fine della pista ciclabile con l’attraversamento pedonale verso Via della Ceramica.

Adeguamento attraversamenti pedonali

Il layout esistente degli attraversamenti pedonali non viene sconvolto. Si prevede l’adeguamento geometrico e il ripristino dei materiali usurati. In prossimità degli attraversamenti si prevede anche la sistemazione della segnaletica orizzontale e delle quote di salita e discesa dai marciapiedi per rimuovere tutte le barriere architettoniche.

Nuova geometria del verde

Il verde è uno degli elementi di progetto e risponde agli obiettivi della pianificazione territoriale: mitigazione del degrado urbano e sociale con opere verdi, aumento della qualità urbana, aumento delle superfici permeabili e drenanti. Le aiuole all’interno delle isole di traffico verranno sistemate e piantumate. Poi si aggiungeranno due fasce verdi di separazione tra controstrada, viale della Scienza e percorso ciclopedonale. Tali spazi verranno contenuti da cordonate rialzate in cemento dotate di canali di scolo per le acque superficiali.

Sistema di illuminazione

Il nuovo sistema di illuminazione sarà posizionato nella fascia di separazione parallela al percorso ciclopedonale e andrà a sostituire quello esistente. Si prevedono dieci nuovi punti luce lungo il percorso ciclopedonale e sei nuovi punti luce lungo i parcheggi della controstrada.

Vicenza, fondi Pnrr: assi verdi in zona industriale per mitigare le aree di calore

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...