fbpx
CAMBIA LINGUA

Vicenza: arrestato 38enne serbo con 9 condanne alle spalle e proventi di furti e spaccio di droga.

Arrestato dalla polizia di stato per cumulo di pene.

Vicenza: arrestato 38enne serbo con 9 condanne alle spalle e proventi di furti e spaccio di droga.

In Italia dal 2011, aveva da subito iniziato a vivere di espedienti, ricavando il necessario per vivere dai numerosi furti messi a segno e dall’attività di pusher.

M.M., cittadino serbo di 38 anni, nel primo anno in dal suo trasferimento in Italia, ha collezionato ben 6 arresti per spaccio di sostanze stupefacenti che lo hanno portato ad una prima condanna nel 2012.

L’uomo, però, era anche dedito al consumo di alcol ed aveva una passione per l’alta velocità, per cui, sempre in quei primi anni, è stato sanzionato amministrativamente molte volte dalla Polizia Stradale e ricevuto anche tre condanne per violazioni del Codice della Strada.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Dopodiché, per sbarcare il lunario, si è dedicato ai furti ma, anche in questo caso, molteplici volte è stato arrestato in flagranza dagli Agenti della Questura: arresti che gli hanno fruttato altre tre condanne.

Nel tempo ha quindi accumulato ben nove condanne tra un reato e l’altro, scontando tutte le volte solo parzialmente la pena inflittagli, tra obblighi di dimora, divieti di dimora, permessi vari e misure alternative alla detenzione.

Alla fine delle varie condanne succedutesi nel tempo, il Tribunale di Vicenza ha emesso un ordine di esecuzione per la pena residua. Pertanto, gli Agenti della Squadra Mobile di Vicenza, avuta copia della sentenza, si sono attivati per rintracciare l’uomo che vive a Dueville (VI), accompagnandolo ieri alla Casa Circondariale “Del Papa” di Vicenza a disposizione dell’Autorità Giudiziaria, dove dovrà scontare la pena definitiva per 1 anno e 2 mesi di reclusione, come pena residua di quella in precedenza scontata.

Vicenza: 38enne serbo con 9 condanne alle spalle viveva dei proventi di furti e spaccio di droga, viene arrestato.

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×