Vibo Valentia, un uomo scampa miracolosamente dall’agguato di un pregiudicato che spara tre colpi di pistola da un’auto

Il pregiudicato è stato individuato presso la sua abitazione, nella quale vi era una stanza segreta dove probabilmente

Vibo Valentia, un uomo scampa miracolosamente dall’agguato di un pregiudicato che spara tre colpi di postola da un’auto.

È il 16 febbraio e a Ricadi, nella piazza centrale, tre colpi di pistola squarciano il silenzio e la calma di una mattina come tante. Quando i Carabinieri della Compagnia di Tropea giungono sul posto trovano a terra 2 ogive, tre bossoli e una munizione inesplosa, tutti cal. 7.65, segno che a fare fuoco è stata probabilmente solo un’arma. Degli autori, ovviamente, non vi è traccia ma anche la vittima dell’agguato si è dileguata.
I militari, coordinati dalla Procura della Repubblica di Vibo Valentia, diretta dal Procuratore Camillo Falvo, iniziano a raccogliere testimonianze e indizi per ricostruire la vicenda, appurando che poco prima delle 8 di quel 16 febbraio da un’auto sarebbero stati sparati tre colpi di pistola all’indirizzo di un pregiudicato appena uscito da uno dei bar della piazza. Scampato miracolosamente all’agguato sarebbe poi salito a bordo della propria auto mettendosi all’inseguimento degli aggressori.
Rintracciata a distanza di qualche ora la vittima ha confermato la ricostruzione non fornendo però utili indicazioni all’identificazione degli autori.
Agli inquirenti sono tuttavia bastati pochi giorni per avere un quadro completo della situazione individuando il presunto autore dell’azione di fuoco, noto alle Forze dell’Ordine e il movente, che sarebbe dovuto a dissidi di natura personale fra i due, consentendo alla Procura della Repubblica di emettere nei suoi confronti un decreto di fermo in quanto indiziato del delitto di tentato omicidio.
Il presunto responsabile, dopo alcuni giorni di irreperibilità, è stato localizzato nella sua abitazione di Vibo Valentia, all’interno della quale i militari hanno anche individuato una stanza segreta, a cui si accede attraverso una botola ricavata in una parete e che forse avrebbe voluto utilizzare per continuare a sottrarsi alla giustizia. Sottoposto a fermo è stato condotto presso la casa circondariale cittadina a disposizione dei magistrati cui dovrà ora chiarire il suo presunto coinvolgimento nel tentato omicidio.

 

LEGGI ANCHE

Commenti
Loading...