Verona, continuano le violazioni della zona rossa, la Polizia chiude altri 2 bar

Verona, Permane la Zona Rossa ed insiste il divieto di consumare cibi e bevande all’interno dei locali e nelle adiacenze. Nonostante le prescrizioni anti-covid siano ormai chiare, la Polizia di Stato continua a rilevare violazioni: proprio ieri, a Verona, altri due Bar sono stati chiusi, entrambi beccati a infrangere la normativa che impone di esercitare la sola attività di vendita di cibi e bevande con consegna a domicilio o asporto.
Dapprima, gli agenti delle Volanti si sono imbattuti in 6 ragazzi di nazionalità nigeriana che, intenti a bere birra fuori dal locale etnico di via Golosine “GT Food Centre”, sono stati tutti sanzionati. A 4 di questi, residenti nella provincia di Verona, è stata, altresì, contestata l’inosservanza del divieto di spostamento in Comune diverso dal proprio, consentita esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità e urgenza o motivi di salute. Gli operatori di polizia hanno, poi, provveduto a sanzionare anche la titolare dell’esercizio commerciale – quarantaquattrenne, anch’essa originaria della Nigeria – che non potrà svolgere la propria attività per i prossimi 5 giorni.
Per i prossimi 5 giorni non potrà riaprire neanche il proprietario del “Rock Bar” di stradone Santa Lucia, scoperto ad accogliere i propri clienti all’interno del locale. La violazione è stata rilevata, anche in questo caso, dagli agenti delle Volanti che, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato un uomo entrare nel locale da una porta secondaria, non visibile dalla strada principale. Gli agenti hanno beccato all’interno del Bar, nel plateatico, due clienti intenti a consumare birre, entrambi sanzionati per la violazione della normativa vigente.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...