fbpx
CAMBIA LINGUA

Venezia: Granchio Blu. Corazzari: “Stanziati altri fondi per incentivare la cattura e lo smaltimento del granchio”.

L'importo massimo dell'aiuto per ciascuna impresa richiedente è di 40.000 euro per le attività di cattura e di 80.000 euro per le attività di smaltimento.

Venezia: Granchio Blu. Corazzari: “Stanziati altri fondi per incentivare la cattura e lo smaltimento del granchio”.

“Nonostante la serie di interventi e azioni messe in campo dalla Regione e sebbene il sistema delle imprese di pesca e acquacoltura si sia attivato sin da subito, l’invasione del Granchio Blu non si ferma e sta assumendo contorni drammatici per i gravissimi impatti sui nostri fondali e su un’intera economia basta sugli allevamenti di molluschi. Alla luce di ciò, la Regione del Veneto, dopo aver ottenuto dal Ministero dell’Agricoltura la declaratoria di calamità naturale, a seguito della presentazione del dossier adottato con DGR n. 165/2024, ha approvato un intervento straordinario a favore del Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine e delle imprese che gestiscono mercati ittici nel Delta del Po Veneto, al fine di aumentare le catture del Granchio blu e la loro eliminazione”.

Così l’Assessore regionale alla Pesca, Cristiano Corazzari, annuncia l’approvazione, da parte della Giunta regionale, del Bando per l’erogazione di sovvenzioni in regime “de minimis” al Consorzio Cooperative Pescatori del Polesine e alle imprese che gestiscono mercati ittici che operano nelle aree lagunari del Delta del Po Veneto per la cattura e lo smaltimento di esemplari non commercializzabili della specie aliena denominata Granchio blu “Callinectes sapidus“.

“Il sostegno regionale, di un importo totale di 200.000 euro, si sostanzia attraverso un parziale ristoro degli oneri e delle spese di cattura e di smaltimento di esemplari non commercializzabili di Granchio blu catturati in tutte le acque lagunari del Veneto. Le imprese che possono chiedere i finanziamenti devono avere sede legale nei comuni di Rosolina, Porto Tolle e Porto Viro mentre la cattura deve avvenire nelle aree lagunari del Veneto (Acque di Zona C – lagunari salmastre) così come definite dalla Carta Ittica Regionale approvata con DGR n. 1747 del 30 dicembre 2022. L’importo massimo dell’aiuto per ciascuna impresa richiedente è di 40.000 euro per le attività di cattura e di 80.000 euro per le attività di smaltimento. Per quanto riguarda in particolare la cattura, le cooperative e i consorzi che gestiscono mercati ittici incentivano il prelievo di questa specie, riconoscendo alle imprese di pesca professionale un contributo pari ad 1,00 euro per ogni kg di Granchio blu non commercializzabile conferito ai soggetti finanziati con il bando”, conclude l’Assessore Corazzari.

Segui La Milano sul nostro canale Whatsapp

Venezia. Granchio Blu mette in campo nuovi interventi. Corazzari: "Stanziati altri fondi per incentivare la cattura e lo smaltimento del granchio".

Riproduzione riservata © Copyright La Milano

×