Venezia, due ordini di arresto per reati di furto e di spaccio: sequestrai eroina e cocaina

Venezia, Nel corso della settimana la Polizia di Stato di Venezia ed in particolare gli agenti del Commissariato di Mestre, hanno dato esecuzione a due ordini di carcerazione disposti dall’A.G., il primo nei confronti di S.F., cittadino croato classe ’92 e il secondo a carico di B.L., cittadino italiano del 1966.

Il giovane croato, già arrestato a fine gennaio perché trovato in possesso di oltre 40 grammi tra eroina e cocaina, era stato posto ai domiciliari con successiva conversione della misura in obbligo di firma.

            Nonostante ciò il soggetto non aveva interrotto l’attività di spaccio. A seguito di un appostamento gli agenti del Commissariato di Mestre, dopo aver assistito ad una cessione di una dose ad un acquirente, sono prontamente intervenuti arrestando nuovamente il pusher.

Pubblicità Online, Guest Post, Banner, Redazionali, Link Building

A seguito della direttissima S.F. è stato nuovamente sottoposto alla misura dell’obbligo di firma ma, conseguentemente ad un successivo arresto avvenuto la scorsa settimana per detenzione ai fini di spaccio di oltre 7 grammi di eroina, l’A.G. ha rideterminato la misura disponendo la custodia cautelare in carcere.

Per quanto concerne l’italiano B.L., lo stesso è stato invece condotto presso il carcere di Santa Maria Maggiore a seguito di una rapina perpetrata con estrema violenza nei confronti dell’anziana madre.

L’uomo già nel 2017, sempre per atti di violenza nei confronti della propria madre, era stato condannato con la misura della custodia cautelare domiciliare da scontare presso una comunità terapeutica, allo stesso però, non avendo ottemperato alle svariate richieste di colloquio pervenute dalla Comunità, gli è stata commutata la misura in quella più grave della custodia cautelare in carcere.


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...