Varese, tenta di ottenere il reddito di cittadinanza e la tessera postepay con dei documenti falsi

Varese, Nel corso della mattinata di ieri 22 gennaio, a Varese, un cittadino rumeno di i 53 anni, domiciliato in provincia di Lodi, ha tentato di porre in essere una truffa aggravata ai danni dello Stato, ma grazie anche all’attenzione della direttrice dell’Ufficio Postale della frazione di Sant’Ambrogio non è riuscito a portare a termine il suo piano. Infatti, l’uomo, presentatosi presso quella filiale delle Poste Italiane accompagnato da una complice, ha presentato la documentazione per ottenere la tessera “postepay” collegata al reddito di cittadinanza. L’attenzione posta dalla citata direttrice nel valutare la documentazione fornita ha fatto emergere un vero e proprio tentativo di truffa. Per questo l’impiegata, con furbizia, ha temporeggiato nel rilasciare quanto richiesto dai due stranieri e nel contempo ha avvisato le forze dell’ordine. La donna che aveva accompagnato N.R., forse insospettiva per il troppo tempo richiesto per il rilascio della tessera, con una scusa è riuscita ad allontanarsi dall’Ufficio Postale prima dell’arrivo della Volante. N.R., invece, è rimasto in quell’Ufficio e, all’arrivo dell’equipaggio della Polizia, ha perseverato sulla sua linea, ovvero ha ribadito di aver diritto al reddito di cittadinanza e per questo pretendeva il rilascio della tessera in questione.

Accompagnato negli Uffici della Questura, gli agenti hanno analizzato la documentazione presentata da N.T. che è risultata palesemente contraffatta. Per questo motivo il rumeno è stato deferito alla competente A.G. per il reato di tentata truffa ai danni dello Stato.

Sono in corso indagini al fine di identificare i complici del truffatore.

 


LEGGI ANCHE

 

LEGGI ANCHE

 
Commenti
Loading...